VALTROMPIA – 3.300 pratiche Suap in un anno. Nuovi materiali ai Comuni

0

Il progetto Suap della Valtrompia, realtà della pubblica amministrazione digitale affermatasi a livello nazionale, ha visto raddoppiare l’affluenza di istanze pervenute nel suo secondo anno di attività da poco concluso, arrivando alla quota complessiva di 3.300 pratiche gestite e totalizzando, oltre 1.500 pagamenti digitali in un solo anno, classificandosi al primo posto in Regione Lombardia per servizio telematico gestito tramite la Carta Regionale dei Servizi (CRS).

Suap normalQuesto successo è stato garantito, oltre che dalla collaborazione tra lo staff della Comunità montana e i Comuni aderenti, anche grazie alla politica di costante miglioramento del servizio sviluppata attraverso il dialogo e la convenzione che l’ente comunitario ha saputo intraprendere con la Regione, Camera di Commercio di Brescia, Asl di Brescia e le Comunità montane di Valsabbia e Sebino Bresciano. Per supportare anche strutturalmente lo sviluppo delle nuove metodiche digitali sottese allo sportello telematico, la Comunità montana ha anticipato le festività natalizie consegnando in dono nelle settimane scorse a ciascuno dei 21 comuni aderenti all’aggregazione, nuovo materiale hardware per un valore di oltre 20 mila euro (computer, megaschermi video e tablet) che i funzionari comunali potranno utilizzare quotidianamente per il loro lavoro.

Questo è stato uno dei frutti dell’accordo di collaborazione interistituzionale che la Comunità della Valtrompia ha sottoscritto nel 2011 con quella della Valsabbia, Regione Lombardia e che – vista la conclusione positiva del progetto Suap – è stato premiato con l’erogazione dei 150 mila euro di contributo promesso.

Continuando nel solco di questa attività di supporto ai comuni nel cammino della digitalizzazione dei procedimenti amministrativi, la Comunità montana ha provveduto infine ad aggiornare il proprio portale telematico, che dal 13 dicembre appare sul web in una nuova veste grafica e di contenuti, per predisporlo a ospitare anche le funzioni dello Sportello Unico dell’Edilizia (che partiranno per il pubblico a marzo) e della gestione del Reticolo Idrico Minore (già operativo in modalità tradizionale), che vanno ad arricchire l’offerta di servizi telematici gestiti in modo aggregato dall’ente comunitario.