CALCINATO – Sequestrato laboratorio cinese. Ci vivevano in 17 operai cinesi

0

Sequestrato nei giorni scorsi a Calcinato un laboratorio abusivo in cui operavano ben 17 operai cinesi.

Laboratorio cinese 3I Carabinieri di Calcinato in collaborazione con la Polizia locale, durante una verifica del corretto impiego delle maestranze e della tutela della sicurezza sigli ambienti di lavoro, hanno deciso di controllare un grosso capannone nella zona industriale di Calcinato, adibito a laboratorio tessile. I militari hanno immediatamente constatato la totale assenza di autorizzazioni all’esercizio dell’attività commerciale svolta nella struttura, condotta da un cittadino cinese. All’interno del capannone lavoravano, al confezionamento abiti, circa 17 cittadini cinesi, tutti con permesso di soggiorno e immediatamente identificati. La sorpresa maggiore per le forze dell’ordine è però stata la scoperta di un soppalco appositamente realizzato con stanze da letto e attrezzature da cucina per ospitare i lavoratori che dormivano, vivevano e mangiavano senza praticamente uscire dal capannone, in condizioni igienico sanitarie disastrose.

L’intero capannone è stato posto sotto sequestro preventivo, mentre il responsabile dell’attività, un cittadino cinese di 57 anni residente a Calcinato, verrà indagato per i reati di “esercizio abusivo della professione” e “mancanza requisiti di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro”. Per accertamenti più specifici sono stati interpellati il Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro e l’Ufficio Igiene dell’Azienda Sanitaria  di Brescia.