Se un sessantenne va a letto con una bambina di 11 anni?

0

Leggo con preoccupazione – e non trovo altri termini – quanto scrive Blitzquidiano.it  in questo articolo.

foto-x-pedofilia_o_dmaoMi chiedo anche che centri – ma lui centra sempre, a quanto pare – Silvio Berlusconi, fratello di Paolo, editore de Il Giornale, che ha ripreso la notizia in oggetto, pubblicata in origine dal Quotidiano della Calabria.

Teniamo separati fatti ed opinioni.

Il fatto è che un 60enne è andato a letto con una 11enne e alcuni magistrati hanno condannato l’uomo in primo e secondo grado a 5 anni di reclusione, mentre la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza ordinando un nuovo processo davanti alla Corte d’Appello di Catanzaro.

L’opinione dei colleghi di Blitzquotidiano.it (vedi link sopra) è che Il Giornale abbia ripreso la notizia dal Quotidiano della Calabria per – “implicitamente” – paragonarla a quella del Cav nel caso Ruby.

La mia opinione  – invece – è che qualche volta noi giornalisti siamo ridicoli, con le nostre congetture da pettegolezzo a livello portineria.

E che non esistono solo le norme e i capitoli  della giustizia ordinaria ma – anche – regole di giustizia naturale secondo la quale – a mio modo di vedere, una undicenne è solo una bambina, non certo in grado di stabilire di essere “innamorata” di un sessantenne.

E se un sessantenne va a letto con una bambina di 11 anni è solo un povero disgraziato con qualche grosso problema mentale.

Il resto son solo chiacchiere.