MILANO – Dalla Cultura del Pirellone fondi alle province, 1,5 mln a Brescia

0

“Sono molto soddisfatta, in questi primi nove mesi abbiamo fatto un lavoro enorme, con grande impegno e risultati già visibili”. L’ha detto l’assessore alle Culture, Identità e Autonomie di Regione Lombardia Cristina Cappellini, nella seconda tappa del suo tour di bilancio dell’assessorato nelle sedi territoriali regionali. Con la sede di Milano, a Palazzo Pirelli, erano collegate, questa mattina, quelle di Monza e Brianza e Brescia.

Terza realtà culturale. “La Lombardia – ha ricordato l’assessore – si colloca al terzo posto in Europa, dopo Londra e Ile de France, per numero di occupati nelle imprese culturali e creative. Un dato – ha rilevato Cappellini – che testimonia il fatto che la cultura è crescita e sviluppo e che sarà rafforzato anche con la collaborazione con i Quattro Motori per l’Europa”.

A Brescia 1,5 milioni. “Per il territorio della provincia di Brescia, che presto visiterò nuovamente, questa volta con il mio Assessorato itinerante ‘Culture in cammino’ – ha proseguito l’assessore – gli interventi principali hanno riguardato lo stanziamento di 370.000 euro per musei, biblioteche, archivi, e beni librari; 82.000 euro sul bando della Legge 9/93; 500.000 euro per i siti archeologici e Unesco; 400.000 euro in riferimento alla Legge 21/08; 90.000 euro per progetti di conservazione e restauro”. “Tra le realtà bresciane – ha aggiunto – attenzione e fondi saranno destinati al complesso di Santa Giulia e al Capitolium”.

L'assessore regionale alla Cultura Cristina Cappellini
L’assessore regionale alla Cultura Cristina Cappellini

Oltre 11 milioni per Milano. “Nel dettaglio e citando solo alcune voci come esempio – ha comunicato l’assessore – al territorio della provincia di Milano abbiamo destinato oltre 11 milioni di euro. Ricordo, tra le realtà sostenute dalla Regione, 1,4 milioni di euro a musei, biblioteche, archivi, Soprintendenza e beni librari; 340.000 euro sul bando della Legge 9/93 per i progetti di promozione educativa culturale di interesse regionale;

430.000 euro per siti archeologici e Unesco; 7,8 milioni in riferimento alla Legge 21/08 per lo spettacolo; 500.000 euro per le imprese culturali e creative e 1 milione per progetti di conservazione e restauro”. “Tra i progetti di punta – ha rimarcato l’assessore – c’è la creazione di un polo lombardo della cinematografia, con l’ingresso della Lombardia Film Commission e delle Scuole civiche di cinema del Comune di Milano nell’ex Manifattura Tabacchi, che oggi già ospita il Centro sperimentale di cinematografia, la Cineteca italiana e il Museo interattivo del cinema”.

A Monza e Brianza 450 mila euro. “Pur vicina al capoluogo – ha detto l’assessore – Monza è una realtà con delle specificità che la contraddistinguono, come ho avuto modo di costatare sia nel corso della tappa di ‘Culture in cammino’ sia dalle domande presentate sui bandi regionali da parte di questo territorio, che vanta l’eccellenza della Villa Reale, sede di rappresentanza di Expo 2015”. “Alla provincia di Monza e Brianza – ha ricordato – abbiamo assegnato 150.000 euro per musei, biblioteche, archivi, Soprintendenza e beni librari; 42.000 euro sul bando della Legge 9/93; 53.000 euro in riferimento alla Legge 21/08; 200.000 euro per progetti di conservazione e restauro”.

Culture al centro. “Dei territori collegati oggi con noi resta solo quello di Brescia da incontrare con il mio Assessorato itinerante ‘Culture in cammino’ – ha spiegato l’assessore Cappellini -. L’esperienza sul campo mi sta confermando che le culture lombarde sono vivaci, creative e desiderose di raccogliere la sfida dell’Expo, una grande vetrina, che Regione auspica abbia, come ‘sito espositivo’, la totalità delle province e dei territori”.

Pronti per nuovi investimenti. “Abbiamo già pronti – ha annunciato l’assessore – nuovi bandi per 9,5 milioni di euro. Un primo bando da 4 milioni, pubblicato oggi sul Burl, è rappresentato dal Fondo di rotazione per la ristrutturazione e l’adeguamento tecnologico delle sale dello spettacolo”.

Beni culturali, nostri tesori. “Supera i 4 milioni di euro – ha continuato
– la disponibilità per il Fondo di rotazione destinato a soggetti che operano nel campo culturale per promuovere la valorizzazione dei beni culturali immobili e mobili, l’incremento della loro fruizione pubblica”.

Sostegno al cinema che mostra o racconta la Lombardia. “Attraverso la Lombardia Film Commission mettiamo a disposizione 1,5 milioni – ha specificato – per il bando mirato a sostenere le produzioni cinematografiche e l’audiovisivo realizzati in Lombardia, promuovendo le bellezze del nostro territorio e facendo lavorare le realtà lombarde”.

Sfida affascinante. “L’Expo sarà una grande vetrina per tutte le culture lombarde, i loro tesori e le loro attività di spettacolo – ha continuato Cappellini – sarà una grande sfida che siamo pronti a vincere grazie a un programma di iniziative che abbiamo chiamato ‘Expo e OLTRExpo’, in cui vogliamo coinvolgere tutti i territori”.

Le proposte. “Due saranno le mostre che promuoveremo – ha detto l’assessore – in collaborazione con il Mibact, di cui una dedicata ai paesaggi italiani, che si terrà nella sede di rappresentanza di Expo, Villa Reale di Monza, e l’altra nel complesso di Santa Giulia a Brescia, che sarà focalizzata sui siti archeologici dei Celti e dei Romani. Oltre agli eventi dedicheremo particolare attenzione ai percorsi culturali e alla fruibilità del nostro patrimonio culturale”.

Forum Unesco simbolo del nostro impegno. “La realizzazione – ha concluso Cappellini – di progetti innovativi nel settore delle imprese culturali e creative, a partire dall’edizione straordinaria del Forum Unesco, che organizzeremo, come Regione, in Villa Reale a Monza nel 2015, permetterà a tutti di constatare che la Lombardia è di fatto una realtà leader anche a livello culturale, perché sa tutelare, conservare e promuovere il suo patrimonio, rendendolo più fruibile alle generazioni attuali e creando le condizioni perché anche quelle future possano godere della grande ricchezza che deriva dalle nostre storie locali”.