VALTELLINA – Bilancio in crescita per il Consorzio turistico Terziere Superiore

0

L’assemblea annuale del Consorzio turistico Terziere Superiore di venerdì scorso ha approvato il bilancio 2013 ed il preventivo 2014 all’unanimità. La buona gestione economica è stata confermata dal collegio dei revisori dei conti. Nell’ambito della sua relazione il presidente Sergio Mascioni ha ricordato che ci sono state spese per oltre 660mila euro nel 2013, con una crescita rispetto ai due anni precedenti. Sempre Mascioni, presentando un filmato riguardante i numeri del turismo in Italia, ha sottolineato l’importanza della qualità dell’accoglienza, un punto del suo mandato. “È fondamentale investire nella professionalità e nell’accoglienza, perché questo è il nostro biglietto da visita. Sarà sempre il mio pallino, il nostro territorio ha una gamma di offerte davvero importante che abbinate alla giusta accoglienza possono diventare un vanto di livello mondiale”.

Assemblea consorzio Valtellina 2013Mascioni ha riservato poi un passaggio anche al progetto di far diventare Tirano Iat internazionale. “Considerato il testo unico delle leggi regionali in materia di turismo ‐ ha detto il presidente del Consorzio ‐ e visto che Tirano è un crocevia europeo, vogliamo sia riconosciuta come Iat internazionale e quindi garantita dai finanziamenti previsti. I dati dell’affluenza 2013 dimostrano che i turisti stranieri hanno superato quelli italiani. A proposito di questo stiamo pensando di portare la sede del Consorzio presso lo stabile delle Ferrovie italiane in piazza delle Stazioni”. Aldo Sosio è stato confermato presidente del collegio sindacale anche per il prossimo triennio, mentre sono entrati nel collegio Dino Lauro e Paolo Maifrè. Sostituzione invece nel Consiglio di amministrazione, dove Dario Medde entra al posto di Ettore Trinca Colonel, che ha lasciato per impegni di lavoro. Il Cda risulta quindi ora composto da Sergio Mascioni, Domenico Cioccarelli, Giampiero Antonioli, Agnese Bresesti e appunto Dario Medde.

Ultimo punto in discussione dell’assemblea è stato quello delle quote associative. Il Cda ha confermato le quote dello scorso anno, quindi 100 euro per i privati. Riguardo agli enti, la Cm versa 28.500 euro, Grosio 4000 euro, Grosotto 3000, Mazzo 1000, Vervio 500, Tovo 1000, Lovero 1000, Sernio 1000, Tirano 5000, Villa 2000, Teglio 4000 e Aprica 5000. A seguito dell’esposizione di queste cifre il presidente Cm Franco Imperial è intervenuto sottolineando la sua delusione per il fatto che non ci sia stato anche solo un simbolico aumento della quota dei privati.

“Purtroppo ‐ ha detto ‐ si crede ancora troppo poco nel grande lavoro del Consorzio turistico. I privati dovrebbero crederci di più e versare quote diverse a seconda dell’importanza della realtà che rappresentano. È un peccato che il Consorzio sia considerato solo per quello che porta e non per l’immagine e la promozione che regala a tutto il nostro territorio. Spero che i privati siano sempre più presenti e ci credano sempre di più”. Prima della fine della seduta il sindaco di Tirano Pietro Del Simone è intervenuto a sostegno del Consorzio dicendo che funziona perfettamente come braccio operativo di tutti i Comuni del mandamento. “Spero che anche a livello provinciale ci si renda conto che sotto il cappello della V di Valtellina devono sempre essere rappresentate e valorizzate le identità locali a noi indispensabili”.