GARDONE – Natale con “I Caicì de Inzì” e la crisi del lavoro

0

Con la commedia scelta per il Natale 2013, l’associazione culturale “I Caicì de Inzì” entra nel 34° anniversario di attività. Il lavoro di quest’anno è di Maria Filippini Lazzari e sono due atti scritti in dialetto bresciano “Cósa toca fà pèr troà èl post de laurà”. Pur essendo il testo del 1999, rappresenta la preoccupante attuale quotidiana realtà del mondo giovanile, dove il posto di lavoro diventa un miraggio che si allontana e non consente di programmare il futuro.

Caicì de Inzì Natale 2013Maria Lazzari, autrice di molti testi dialettali, alcuni dei quali già presentati dalla compagnia negli anni scorsi, in modo comico e brillante evidenzia la preoccupazione della famiglia che ha, con sacrificio, accompagnato il figlio al diploma. Nonostante lo studente, con costante impegno, abbia conseguito il voto massimo di 60/60, non riesce a trovare l’auspicato inserimento nel mondo produttivo. Il giovane, che dopo lo studio desidera un lavoro adeguato, vede pian piano svanire ogni speranza.

La famiglia fa pressione perché il neo diplomato continui la ricerca, ma ogni ritorno a casa infruttuoso aumenta la frustrazione e umiliazione del ragazzo, i sogni dell’adolescenza s’annebbiano, le speranze si scontrano con la dura realtà, ogni attesa è delusa, il futuro diventa sempre più una meta irraggiungibile e ogni programma perde di consistenza, la volontà si affievolisce tanto da cominciare a pensare, con depressione, di dover rinunciare ad ogni aspettativa, a meno che…

L’autrice, con capacità e ricerca, ha scritto dialoghi, vocaboli, proverbi e usato frasi quasi in disuso, che rendono il vernacolo autentico, figurativo e immediato, dando risalto alla lingua dialettale bresciana, rivalutando con essa i valori della vita dove vengono esaltati, in quanto primari, la famiglia, la casa e il lavoro. L’associazione si riconosce in questo testo avendo gli stessi obiettivi statutari, cioè “mantenere vivo il dialetto bresciano, rivalutando dalla tradizione: famiglia, lavoro, amicizia e solidarietà”. Le rappresentazioni andranno in scena al Cinema Teatro di Inzino, a Gardone, alle ore 20,30 il 25, 26, 28 e 29 dicembre 2013 e il 4, 5 e 6 gennaio 2014.