BRESCIA – Calendario fondazione Ant 2014 insieme ai Vigili del Fuoco

0

In occasione della festa di Santa Barbara che ricorre oggi, la Fondazione ANT lancia il nuovo calendario per il 2014 che vede protagonisti i Vigili del Fuoco del Comando di Brescia. Nell’iniziativa sono state coinvolte le quattro squadre del Comando e gli impiegati giornalieri, che con la loro simpatia si sono resi disponibili a posare per ANT, colti nel loro lavoro quotidiano in caserma e durante dimostrazioni con gli automezzi, ma anche nei loro momenti spensierati.

AntI pompieri si sono “sfidati” nel trovare il modo più originale per portare la bandiera di ANT il più in alto possibile: alcuni hanno innalzato lo striscione con la scala telescopica dell’autopompa, altri sul tetto dell’aeroporto di Montichiari (Bs) e altri ancora – come i vigili del nucleo SAFF (Speleo Alpino Fluviale) – si sono arrampicati e calati dal castello di manovra (torretta di esercitazione) presente in caserma, alto ben 20 metri. Il calendario è disponibile presso la Delegazione ANT di Brescia (viale della Stazione 51) ed è offerto in cambio di una donazione di 10 euro. Il ricavato sarà destinato alle attività gratuite di assistenza socio-sanitaria domiciliare oncologica e ai progetti di prevenzione che ANT garantisce dal 2001 a Brescia e provincia. Il calendario è stato realizzato grazie al generoso contributo di Leo Club Cremona, Iveco Magirus, Le Fornarine, SuperCyclon, Glass Ruggeri, Sedal Pneumatici, DesignGlass, Officina F.lli Lorandi, Viva Brescia Diesel e Silvercar. Referente per la stampa locale: Benedetta Venditti benedetta.venditti@ant.it, cell. 342 1470258.

Ant1Nata a Bologna nel 1978 per iniziativa dell’oncologo Franco Pannuti, la Fondazione ANT Italia Onlus opera in nome dell’Eubiosia (dal greco antico, eu/bene-bios/vita) intesa come insieme di qualità che conferiscono dignità alla vita, dal primo all’ultimo respiro. Dal 1985 ANT ha assistito, in modo completamente gratuito, oltre 96.000 Sofferenti oncologici (dato aggiornato al 30 giugno 2013). In 9 diverse regioni italiane, circa 4.000 malati vengono assistiti ogni giorno a domicilio da 20 équipes di operatori sanitari ANT che assicurano, al Malato ed alla sua Famiglia, tutte le necessarie cure di tipo ospedaliero e socio-assistenziale.

Sono complessivamente 400 i professionisti che lavorano per la Fondazione (medici, infermieri, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti, farmacisti, operatori socio-sanitari e funzionari) cui si affiancano circa 1.600 Volontari, iscritti nel registro ANT. Il supporto affronta ogni genere di problema nell’ottica del “benessere globale” del Malato. La Fondazione ANT è inoltre fortemente impegnata nella prevenzione oncologica, con progetti di diagnosi precoce del melanoma, delle neoplasie tiroidee, ginecologiche e mammarie. Nell’ambito del solo Progetto Melanoma, che ha preso il via nel 2004, sono stati visitati 67.283 pazienti in 63 diverse province italiane (dato aggiornato al 30 giugno 2013). Le campagne di prevenzione si attuano sia presso strutture sanitarie offerte gratuitamente ad ANT, sia negli ambulatori ANT, sia all’interno dell’ambulatorio mobile – BUS della Prevenzione. Il mezzo, dotato di strumentazione diagnostica all’avanguardia (mammografo digitale, ecografo e videodermatoscopio) consente di realizzare sul territorio visite di prevenzione nell’ambito dei vari progetti ANT. La Fondazione ANT opera in Italia attraverso 120 Delegazioni, dove la presenza di Volontari è molto attiva. Alle Delegazioni competono, a livello locale, le iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi e la predisposizione della logistica necessaria all’assistenza sanitaria domiciliare.

Prendendo come riferimento il 2012, ANT finanzia la maggior parte delle proprie attività grazie alle erogazioni di privati cittadini e alle manifestazioni di raccolta fondi organizzate (56%) al contributo del 5×1000 (11%) a lasciti e donazioni (12%) al contributo di banche e fondazioni (1%) e infine grazie alla gestione immobiliare e finanziaria (3%). ANT è la 10^ Onlus nella graduatoria nazionale su oltre 30.000 aventi diritto nel medesimo ambito.