BRESCIA – Tre bresciani sul podio Historic Monza Rally Show

0

Bresciani protagonisti al Rally di Monza dello scorso fine settimana. A livello assoluto, tre piloti bresciani sui gradini del podio dell’Historic Monza Rally Show: nell’ordine, Alex Caffi con una Porsche Gr4, Luca Pedersoli e “Pedro” con le Lancia 037. Ancora Luca Pedersoli vincitore assoluto del Master Show sempre tra le storiche. A questi si aggiungono le vittorie di gruppo di Roberto Montini nel 3° raggruppamento storiche e di altri bresciani nel rally moderno: il camuno Luca Tosini nella classe R3 e dei due navigatori Danilo Fappani tra le vetture WRC 2000 e del lumezzanese Luca Maurigi tra le Super 2000.

Pedersoli sul podio
Pedersoli sul podio

“Sono contentissimo – ha dichiarato Alex Caffi – mi sono divertito e sono tornato indietro nel tempo, quando da bambino vedevo le Porsche protagoniste al Rally di Monza che toccava anche la parte del parco. L’ultimo giorno mi sono limitato a controllare il vantaggio accumulato nei primi due giorni. Voglio fare i complimenti al mio navigatore, Michele Pirlo con cui ho corso per la prima volta. Si è dimostrato molto bravo e professionale. Puntavamo a vincere il rally, dal momento che il Master Show, per il percorso disegnato non era alla nostra portata.

La nostra Porsche Gr 4 non è dotata di freno a mano per regolamento e quindi nelle strettissime curve presenti, non potevamo girarci facilmente, perdendo del tempo. Per tutto il rally il mio avversario maggiore è stato Pedersoli a cui faccio i miei complimenti”. Proprio il portacolori del team Magneti Marelli Check Star ha mostrato di essere ancora tra i migliori. “Sono entusiasta – dice il pilota di Gavardo già protagonista un mese fa al Rally Legend – di quanto fatto dal team e mi sono divertito moltissimo”.

Per il campione europeo Massimo Pederetti, “Pedro”, invece, un terzo posto recuperato con grande maestria nelle ultime due prove, dopo aver subito una penalizzazione di 15 secondi per avere abbattuto dei birilli che delimitavano il percorso nelle prove speciali. “Era la prima volta che venivo a Monza, dove non ero mai stato neppure come spettatore. Un’esperienza fantastica tutta di rimonta. Essere dietro a due nomi come quello di Caffi e Pedersoli è per me un onore. Sono veramente molto soddisfatto”.