ODOLO – “Donne e…(inevitabilmente) uomini”, teatro per tutti

0

Venerdì 29 novembre andrà in scena “l’eterno gioco degli opposti che si cercano e si respingono, come il foco e l’acqua, il sole e la luna”: si tratta dello spettacolo teatrale “Donne e…(inevitabilmente) uomini”, con Sergio Maschera e Stefania Domeneghini, del Teatro-Laboratorio Brescia, che così si presenta: “L’ associazione Teatro Laboratorio – formatasi nel 2012 – è il proseguimento dell’esperienza e della attività della precedente compagnia denominata Coop. Teatro Laboratorio ereditandone la memoria, la storia e dandone continuità produttiva. La Compagnia nasce nel 1974 con il nome di GGIP, Gruppo Giovani di Iniziativa Popolare e nel 1979 si costituisce in Cooperativa, cominciando così a lavorare a livello professionistico, come fortemente voluto dalle sorelle Ancilla e Paola Garbelli.

odolo per 29

Vengono privilegiati due filoni espressivi: la gestualità mimica, nelle sue componenti poetiche, comiche e drammatiche, e la ricerca sul teatro di figura, burattini, marionette e ombre, integrati con l’arte visiva e quella musicale. Attenta alla conservazione della memoria teatrale, sensibile all’esigenza di recupero e di valorizzazione di forme tradizionali di spettacolo che, come il teatro di burattini, rischiano spesso di venire dimenticate, la Cooperativa crea, sempre nel 1979, il Centro per la ricerca e la documentazione sul teatro d’animazione. Nel 1981 esce inoltre il primo numero de “Il Melograno”, bollettino trimestrale della C.t.l., la cui pubblicazione si protrarrà fino al 1989. In questi anni la Cooperativa produce e distribuisce spettacoli di ombre e burattini e di teatro di strada. Nel 1988 la C.t.l. fonda, in collaborazione con la Comunità Montana della Valle Sabbia, Regione Lombardia, Provincia di Brescia e Comune di Vobarno, il Centro Teatro Ragazzi della Valle Sabbia, una struttura permanente che offre alle scuole della Valle laboratori per ragazzi, corsi di aggiornamento per insegnanti, cicli di conferenze, seminari e giornate di studio. L’attività del Centro teatro ragazzi della Valle Sabbia è proseguita con l’organizzazione della Rassegna di teatro ragazzi “Sogni di sabbia” (dal 1999); con la Rassegna “Crick Crack” (dal 2001) e con “Fare teatro”, convegni, mostre e corsi per insegnanti (dal 1999). Dal 2006 nasce il progetto Museo Animato in collaborazione con il sistema mussale della Valle Sabbia; animazioni teatrali/didattiche presso museo archeologico (Gavardo) museo della civiltà contadina (Sabbio C.) museo del Ferro (Odolo) e museo della Resistenza (Pertica Bassa) Dal 2008 la Cooperativa/Associazione apre il Piccolo Teatro Libero a Brescia organizzando la stagione teatrale stabile e rassegne“.

La serata, per la già introdotta rassegna “Quello che le donne non dicono”, è ad ingresso libero.