MADONNA DI CAMPIGLIO – Skiarea Campiglio: si scia da venerdì 29 novembre

0

Pronti, partenza, via! Venerdì 29 novembre 2013 si potrà sciare sulle piste di Madonna di Campiglio grazie all’apertura di alcuni impianti e piste. Si inaugurerà così una nuova stagione nella Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta Val di Sole Val Rendena.

Nei giorni scorsi la neve è caduta abbondante, mentre in queste ore il sistema di innevamento programmato sta facendo la propria parte per perfezionare la copertura delle piste. Si parte, venerdì, con l’apertura, dalle 8.30 alle 16.00, della telecabina Grostè 1° e 2° tronco, della seggiovia Grostè Express e relative piste. Da sabato si aggiungeranno anche la telecabina Spinale e le seggiovie Rododendro, Boch, Fortini, per raggiungere la Pradalago, e Genziana, per scollinare  verso Folgarida-Marilleva. L’apertura delle piste da sci di Pinzolo-Doss del Sabion, il terzo tassello della Skiarea, è invece prevista per giovedì 5 dicembre.

webcam_Campiglio_2_26_11Eccovi alcuni dati sulla neve presente: a Madonna di Campiglio la neve caduta da inizio stagione è di 90 cm, 40 cm l’altezza della nevicata del 21-22 novembre, 60 cm la neve presente a 2250 m di altitudine e 35 cm quella in paese. Al Doss del Sabion il manto nevoso ha invece raggiunto i 60 cm. Novità di quest’anno è la possibilità di sciare con un unico skipass su tutti i 150 chilometri della Skiarea Campiglio Dolomiti di Brenta Val di Sole Val Rendena, la più grande del Trentino. Venerdì, lo skipass giornaliero-adulti costerà 26,50 euro, mentre da sabato 30 novembre a venerdì 6 dicembre si potrà acquistare il giornaliero promozionale pre-stagione: 28,50 euro (adulto), 25,50 euro (senior), 20,00 euro (junior), 14,00 euro (bambino). Per gli sciatori, un’altra novità è rappresentata dalla pista rossa di “Nambino”, in area 5 Laghi. Ultima nata all’interno della Skiarea, circondata da una suggestiva foresta di abeti rossi, collegherà l’area 5-Laghi alla piana di Nambino e quindi alla Pradalago. Un chilometro e 280 metri la sua lunghezza, 52.960 kmq la superficie, 54% la pendenza massima e 25% quella minima. Questa la carta d’identità della nuova pista che parte da 1.950 metri di altitudine  e arriva a 1.635.

Per gli sportivi, da ricordare, nelle date 19-22 dicembre prossimo, il ritorno della più veloce tra le discipline dello sci alpino: la discesa libera maschile valida per la Coppa Europa FIS. Sarà la 24ª discesa libera della storia della 3Tre, dopo 38 anni di assenza (l’edizione del 1975 fu vinta da “Kaiser” Franz Klammer). Due giorni di gara, due prove mozzafiato lungo un nuovo tracciato dato dall’unione della “Pista degli Azzurri di Campiglio”, inaugurata la scorsa stagione, con il leggendario “Canalone Miramonti”, una volata di 1700 m con partenza a 2085 m e arrivo a quota 1585 nel cuore di Madonna di Campiglio. Muri con pendenza massima del 70% e media del 29% che fanno della nuova pista una sfida elettrizzante per i campioni del circo bianco.