BRESCIA – Premio Castellotti a Simone Faggioli, consegna all’Aci

0

“L’importanza del premio Castellotti sta nel fatto che viene assegnato una sola volta al pilota, indipendentemente dal fatto che questo possa essere il migliore per tanti anni. Un premio unico, quindi”. Con queste parole, Luciano Dal Ben, presidente del Ferrari club di Brescia che dal 1996 ha istituito l’ambito premio, ha consegnato a Simone Faggioli, sei volte campione europeo e nove volte campione italiano di velocità in montagna, l’ambito trofeo.

La consegna del premio a Simone Faggioli
La consegna del premio a Simone Faggioli

Nella sala dell’Aci Brescia, dove ha sede il sodalizio del Ferrari Club, erano presenti tanti soci dello stesso, piloti come Giulio Regosa e Francesco Baresi “Zio Fester”, commissari sportivi dell’Aci Brescia, organizzatori come Armando Esti del Team 1000 Miglia a cui si deve negli ultimi due anni la Malegno-Borno, Claudio Lazzari, direttore della stessa gara ed Enzo Osella, l’ex costruttore di Formula uno, intervenuto per applaudire chi meglio di tutti ha saputo interpretare la magnifica Osella FA30, una sorta di formula uno con ruote coperte.

“Sono presente per testimoniare l’affetto verso un pilota che ha fatto molto per il marchio – ha detto il costruttore.- Mi auguro che continui ancora per tanti anni questa collaborazione. Essere qui oggi è poi un piacere per testimoniare l’importanza di un riconoscimento dato con competenza dai soci del Ferrari club di Brescia”. Il pilota fiorentino Faggioli ha ricordato da parte sua come l’albo d’oro del premio Castellotti sia ricco di nomi importanti. “Essere paragonato a piloti di formula Uno mi fa grande piacere. Colgo l’occasione di ringraziare la mia famiglia che mi sostiene in ogni cosa che faccio. Una famiglia allargata a chi mi segue sui campi di gara.

Grazie ai ragazzi che lavorano sulla macchina, sono riuscito ad ottenere risultati di grande prestigio”. Simone Faggioli è figlio d’arte e la passione per le auto da corsa gli è stata trasmessa dal papà Mario. Il team Faggioli, di proprietà della famiglia, si occupa della attività di Simone, ma anche dei tanti clienti piloti che partecipano a gare di velocità.

Tra i bresciani che hanno utilizzato l’esperienza del team e del pilota, Alex Caffi e Luca Tosini, rispettivamente impegnati nel 2012 e 2013 alla Malegno-Borno dove l’ex pilota di Formula uno ha fatto segnare il record assoluto della gara. Proprio Alex Caffi venne insignito del premio Castellotti nel 2002. “A tutti i campioni premiati negli anni – ha concluso Del Ben – si unisce quest’anno Faggioli. La scelta non è stata difficile visto quanto fatto nel motorsport. Anche nel 2014 l’augurio è che continui a consolidare sempre più, all’estero, l’immagine sua e dell’Italia migliore”.