BRESCIA – Pedretti e Zampaglione, Brescia domina nei rally storici europa

0

Brescia è sul tetto d’Europa nei rally storici, dove Massimo Pedretti detto “Pedro”, con la Lancia 037 e Luigi Zampaglione, il notaio volante, con la Porsche 91/2000 si sono aggiudicati rispettivamente il titolo nel 4° (vetture più moderne) e 1° (fino al 1969) raggruppamento.

Pedretti sulla Lancia 037
Pedretti sulla Lancia 037

“Pedro” si è così riconfermato campione europeo dell’ Historic European Championship, dominando il campionato con 5 vittorie su 8 gare disputate: il titolo è arrivato con una gara d’anticipo. Luigi Zampaglione, dopo aver vinto nel 2012 il Campionato Italiano Rally Storici, ha conseguito quest’anno il titolo correndo con i colori della storica scuderia Mirabella di Brescia e avvalendosi del Team Guagliardo di Pontevico come preparatore.

Luigi Zampaglione
Luigi Zampaglione

Ha vinto tutte le gare in cui è arrivato e tutte le prove speciali dove si è ritirato. Con queste due vittorie i piloti locali hanno dato lustro alla tradizione sportiva bresciana, in particolare quella nei rally. I nomi delle gare a cui i due hanno partecipato sono tali da ricordare agli appassionati gli anni in cui le gare su strada rappresentavano la specialità più seguita dai giovani. Rally di Sanremo, Isola d’Elba, Alpi Orientali, San Marino, Costa Brava e Yprese a cui si sono aggiunti i nuovi rally dell’est europeo.

Il settore del rallysmo storico è quello oggi che manifesta il maggior attivismo. Non a caso, anche nel prestigioso Rally Monza Show, dal 22 al 24 novembre sono state invitate le vetture “datate”. Tra i partecipanti, proprio il bresciani “Pedro” con la Lancia 037, Alex Caffi, Nicholas Montini e Marco Superti con la Porsche, Luca Pedersoli con la Lancia 037 in squadra insieme a Miki Biasion, due volte campione del mondo Rally negli anni ‘80 sempre con una Lancia 037.