RODENGO SAIANO – “Fabbrica intelligente”, si parla di summit e informatica al Musil

0

“La fabbrica intelligente. L’Industria del futuro tra sogno e realtà” è il titolo scelto per l’edizione 2013 di “Summit”, appuntamento dedicato all’innovazione e alle nuove tecnologie informatiche, promosso dall’Associazione Industriale Bresciana nel quadro delle settimane della cultura d’impresa e giunto quest’anno alla quarta edizione. Il filo conduttore dell’evento di martedì 19 novembre, in programma al Musil di Rodengo Saiano dalle ore 14, guarderà ai nuovi modelli di fabbrica che dovrà essere dotata di soluzioni avanzate e integrate. Centrale per l’affermazione della fabbrica intelligente sarà il ruolo ricoperto dall’automazione nel senso ampio del termine: svolgeranno un ruolo chiave i concetti di cloud computing, i nuovi paradigmi dell’internet of thing, le tecnologie wireless, oltre ai moderni strumenti di progettazione e simulazione e di monitoraggio tramite sistemi avanzati di sensori intelligenti.

Innovazione Aib“Summit 2013”, presentato dal presidente del coordinamento regionale del terziario avanzato di Confindustria Lombardia Giancarlo Gervasoni, da Francesca Tocchella che con la rete “Aske” ha curato la comunicazione e dal presidente del settore terziario di Aib Paolo Chiari, si rivolge a imprenditori, manager e professionisti per raccontare loro come le tecnologie digitali stiano abilitando l’innovazione dei prodotti, dei processi e dei modelli di business dell’industria manifatturiera, difendendo l’industria Italiana e rafforzando la sua posizione competitiva in Europa e nel mondo coinvolgendo esperti dal mondo accademico, industriale e istituzionale che illustreranno ai partecipanti con l’aiuto di casi industriali di successo le trasformazioni in atto e gli scenari futuri.

Ma ci sarà anche un altro Summit, parallelo a quello tradizionale: sarà un appuntamento che ha come obiettivo alzare il livello di riflessione sulle nuove opportunità che le tecnologie mettono a disposizione delle imprese, ma anche stimolare le pubbliche amministrazioni, sia centrali che locali, a porre attenzione a infrastrutture, come ad esempio la banda larga, sempre più indispensabili per consentire alle imprese di affrontare la competizione sui mercati. Si chiamerà “Summit professional” e avrà come target esclusivo le aziende bresciane che si occupano di informatica, associate o meno ad Aib. “Summit professional” sarà la continuazione  di un primo incontro tenutosi due anni fa, che aveva incontrato consensi e apprezzamenti grazie alla possibilità offerta alle società bresciane di confrontarsi su tecnologie nuove, su processi nuovi ma soprattutto sul nuovo ruolo che l’ICT può avere nel processo produttivo manifatturiero.

“Summit professional” non sarà un convegno, bensì un tavolo di discussione al quale tutti i partecipanti potranno intervenire e fornire il proprio contributo. Sarà appunto attorno a un tavolo che le aziende bresciane dell’ict si confronteranno sul tema “Come creare valore per l’ICT all’interno dell’impresa manifatturiera”, incontro che sarà coordinato da Daniele Peli di Intred, consigliere del settore terziario di Aib (l’area dei settori in cui l’Associazione industriale bresciana ha ripartito i propri iscritti in rapporto al comparto in cui lavorano, tra i quali appunto l’informatica) con conclusioni di Giancarlo Gervasoni, presidente del Coordinamento regionale del terziario avanzato di Confindustria Lombardia. “Summit professional” si svilupperà nella mattinata con inizio alle 9 con il saluto del presidente del settore terziario di Aib Paolo Chiari prima che i lavori entrino nel vivo con il dibattito sul ruolo che l’Ict riveste e sempre più rivestirà nel manifatturiero.