TRENTINO – Nei giorni scorsi presentata la prima borsa del turismo museale

0

Come far conoscere agli operatori turistici le realtà museali trentine, le proposte, la dinamicità in termini di offerta dedicata? Come far sì che il turista sia stimolato alla visita ai musei dagli stessi gestori delle strutture ricettive? Come creare il dialogo con soggetti che si occupano di incoming e devono trovare sempre nuove opportunità per il cliente? Sono queste le domande attorno a cui ruoterà la Prima Borsa del Turismo Museale in Trentino, momento di confronto che per la prima volta in Trentino porterà Musei e professionisti dell’offerta turistica locale a discutere su come sia possibile mettere a fattore comune le competenze e creare opportunità di promozione a beneficio di tutti. La borsa, edizione zero, avrà come sede il MUSE e si svolgerà l’11 e il 18 novembre, dalle 14.00 alle 19.00. I soggetti interessati possono iscriversi compilando l’apposito form sul sito www.muse.it.

imagesTra le molteplici funzioni richieste ai musei vi è l’attenzione e il riscontro in termini di numero di visitatori. Questo aspetto può estendersi alla partecipazione del museo ai fattori di sviluppo economico del territorio e rientrare nel ragionamento dell’attrattività turistica della zona in cui il museo si colloca. Le azioni di comunicazione che sono prioritarie per perseguire l’obiettivo di informare sui contenuti culturali e sulle attività dei musei e che perseguono anche l’obiettivo di incrementare il numero dei visitatori dei musei, generalmente non includono la promo – commercializzazione, ossia l’azione di promozione in collegamento alla componente economica, e la visione del visitatore come consumatore – cliente.

Proprio in considerazione di tali obiettivi, l’evento si svolgerà in forma di “borsa” ovvero di incontro tra l’offerta rappresentata dai soggetti museali e la domanda rappresentata dagli operatori turistici. La Borsa presenterà l’offerta museale come un elemento qualificante l’offerta turistica del territorio e delle sue specifiche destinazioni; solleciterà la domanda di servizi culturali da parte degli operatori turistici del territorio; stabilirà relazioni e porrà in essere progetti concreti con coloro che possono avvalersi dell’offerta culturale dei musei nell’ambito del loro agire nel settore del turismo; promuoverà progetti di co-marketing fra i soggetti che si occupano di incoming in forma di pacchetti, convenzioni, accordi di promozione.

Ciascun soggetto museale disporrà di uno spazio dove esporre il proprio materiale informativo e dialogare con i partecipanti. In tal modo sarà possibile porre in essere pacchetti turistici, generando personalizzazioni di visita congrue ad essere inserite all’interno di proposte turistiche a sfondo tematico diverso (percorsi enogastronomici, soggiorni benessere, turismo sportivo ecc.) ovvero essere specificatamente rivolte a pacchetti di turismo culturale. In quanto azione pilota realizzata direttamente dai musei, questo primo caso è promosso da numero ristretto di soggetti culturali della Provincia autonoma di Trento e, tra le agenzie turistiche contattate, quelle che operano e hanno sede sul territorio provinciale. È evidente che la proposta non intende modificare la progettualità e la programmazione in termini di museografia, museologia, mostre temporanee, programmi per il pubblico degli enti museali invitati a partecipare, bensì consentire ad esse di essere tempestivamente conosciute, valorizzate dagli operatori turistici e apprezzate dal pubblico.

Rivolta ai professionisti del settore, la borsa è promossa – per quanto riguarda l’offerta museale – da MUSE – Museo delle Scienze; ArteSella; Castello del Buonconsiglio Monumenti e Collezioni provinciali; Centro Documentazione Luserna; Fondazione Museo Storico del Trentino; MART – Museo di arte moderna e contemporanea; Museo Diocesano Tridentino; Museo Ladino di Fassa, Museo Usi e Costumi di San Michele all’Adige; Museo nazionale storico degli Alpini; Fondazione Opera Campana dei Caduti; Museo Civico di Rovereto; MAG – Museo Alto Garda. Museo Storico della Guerra, Spazio espositivo Torre Vanga mentre per quanto riguarda gli operatori turistici da Trentino Turismo e Promozione; APT di Trento Bondone Valle dei Laghi; APT Rovereto Vallagarina; APT Valsugana SCARL; APT Ingarda Trentino.

La Borsa si rivolge ai principali operatori che promuovono l’incoming in provincia, tra questi le APT di ambito afferenti, gli impianti sciistici, gli operatori alberghieri, le associazioni di categorie del settore turistico, quali a titolo di esempio Associazione Albergatori e Imprese Turistiche della Provincia di Trento, ASAT, CONFCOMMERCIO (Fiavet, Faita, Unat), Associazione Bed & Breakfast di Qualità in Trentino, Associazione Agriturismo Trentino, Associazione vacanze in baita, Cantine, Consorzi quali Vitanova Wellness. Le APT di ambito, oltre a quelle promotrici, nel partecipare alla Borsa potranno presentare ed essere accompagnate dai rappresentanti della diffusa e diversificata costellazione delle circa 110 diverse strutture museali della Provincia di Trento. Sono invitati il Dipartimento della Conoscenza, il Servizio Attività culturali e il Dipartimento Turismo, Commercio e Promozione della Provincia autonoma di Trento.