ADRO – Arresto di Adro: commenti e dichiarazioni del giorno dopo

0

In seguito alla vicenda che vede Adro e il Sindaco Oscar Lancini al centro delle notizie sono numerose le dichiarazioni sull’arresto del primo cittadino, di un assessore e altri funzionari comunali. Oscar Lancini è agli arresti domiciliari da ieri per lavori affidati senza appalto, il Gip definisce il sindaco “regista delle diverse operazioni collusive con gli aggiudicatari dei lavori pubblici e che manifestava nella gestione della Res Pubblica una disinvoltura nel totale disprezzo per le garanzie di imparzialità previste dalla legge”.

indexLa vicenda sta ovviamente facendo molto discutere, indagati insieme al primo cittadino ci sono: l’assessore ai Lavori pubblici di Adro, Giovanna Frusca, il responsabile dell’area tecnica Leonardo Rossi, il segretario comunale Carmelo Bagalà e gli imprenditori edili Alessandro Cadei e Emanuele Casali.

Il primo commento e dichiarazione in merito arriva dall’imprenditore Silvano Lancini, l’uomo che aveva donato 10 mila euro per calmare la polemica in merito alla mensa negata ai bambini, già allora aveva dichiarato: “Ma dove sono i miei compaesani che non si domandano dove, come e quanti soldi spende l’amministrazione per non trovare I soldi per la mensa. Ma da dove vengono tutti i soldi che si muovono e dove vanno?”.

Grazie alla donazione fatta, l’anno scorso Silavno Lancini è stato nominato Cavaliere del Lavoro. Prosegue ancora: “Mi dispiace per tutti coloro che allora non hanno saputo vedere quello che stava  accadendo”.

La Lega difende il Sindaco, Maroni ritiene il primo cittadino sicuramente estraneo alle accusa, per Matteo Salvini questo arresto: “Puzza tanto di attacco diretto al nostro movimento”. Anche nel paese ci sono persone che lo difendono: “Forse qualcosa ha fatto, ma come sindaco è stato impeccabile e lo rivoterei mille volte”, non mancano ovviamente cittadini che hanno affermato, alla notizia dell’arresto: “è una bellissima notizia”.