PADERNELLO – Ottima risposta dei cittadini alla mostra sulle bellezze

0

Sta registrando un ottimo afflusso la mostra“Il patrimonio diffuso della bassa bresciana. Gli esempi dell’agroparco di Padernello e del borgo di Meano”, organizzata da Fondazione Cogeme Onlus al Castello di Padernello.

PadernelloL’interesse mostrato dai visitatori verso le bellezze del nostro territorio è davvero notevole, l’iniziativa illustra i progetti che ruotano attorno ai due borghi di Padernello e di Meano: il primo riguarda un agroparco per conservare il paesaggio agrario di questo territorio della bassa pianura bresciana, che ultimamente ha visto la propria identità storico-culturale e percettivo-ambientale molto compromessa; con questo progetto si vorrebbe stabilire una linea d’azione per tutelare e valorizzare il paesaggio, in conformità con quanto previsto dal Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio.

Il progetto relativo al Borgo dei Creativi a Meano, invece, ha individuato nell’arte, nell’artigianato e nell’agricoltura le tre risorse fondamentali per innescare il processo di rinascita di un gioiello urbano costituito da una serie di cascinali di servizio sorti intorno all’antico Castello-Palazzo Avogadro. Grazie alla ricerca di uno stile di vita più sostenibile e a un’alta qualità ambientale, oltre a interventi artistici contemporanei permanenti, si vorrebbe valorizzare e ripopolare il piccolo borgo, creando un museo a cielo aperto.

“Alla base dei due progetti – spiega il Presidente di Fondazione Cogeme Onlus Raffaele Volpi – c’è la volontà di attuare adeguate politiche per il paesaggio, dando vita a una concreta prospettiva di responsabilità sociale e individuale. Il paesaggio è infatti da considerarsi come un bene diffuso e proprio della Comunità locale, una risorsa preziosa, costruita nel tempo con un rapporto attivo tra uomo e natura”.

Per chi invece ancora non fosse riuscito a recarvisi c’è ancora tempo: l’esposizione rimarrà infatti aperta fino all’11 novembre, da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.30 alle 17.30, e la domenica dalle 14.30 alle 18.30.