CONCESIO – Comune ed Art&Co riabilitano per un mese il “bollito”

0

Dopo il buon successo di pubblico e partecipazione riscosso nella prima edizione, torna anche quest’anno “Il mese del Bollito” proposto dall’associazione “Art&Co” con l’assessorato alle Attività produttive e Commercio di Concesio. L’iniziativa, lanciata l’anno scorso durante la fiera di Sant’Andrea “che fino agli anni ’70 rappresentava la principale fiera agricola della Valtrompia”, vuole valorizzare uno dei piatti tradizionali di questo periodo, un piatto molto presente e gustato nelle case fino a qualche anno fa, ma che ora sta scomparendo.

Bollito“Questa nostra idea – dice il consigliere delegato al Commercio, Dario Temponi – si propone di far conoscere alla popolazione quelle che sono le eccellenze culinarie del nostro territorio e dare una spinta al tessuto ricettivo commerciale del comune”. L’amministrazione, proprio con il consigliere e l’associazione locale degli artigiani e commercianti, in questi anni si sono impegnati nella promozione del territorio proponendo iniziative che avessero come obiettivo quello di far conoscere alla popolazione e valorizzare le attività presenti sul territorio.

E “Il mese del Bollito” si inserisce proprio in questo contesto. La rassegna enogastronomica si terrà dal 25 ottobre al 6 dicembre in sei ristoranti aderenti del paese valtrumplino che proporranno al prezzo fisso di 23 euro un menù completo a base, appunto di bollito. Le attività dove si potranno gustare questi piatti sono l’Osteria del Michelas di via Marconi 45 a Pieve (tel 030.2751567), Agriturismo alla Griglia di via Cadizzole 37 a Roncaglie (tel. 030.2751783), Il Cavallino Nero di via Europa 285 a Costorio (tel. 030.2751067), Trattoria Zadra di via Sorlini 14 a San Vigilio (tel. 030.2751383), Osteria del Maistrì di via Stella 1 a San Vigilio (tel. 030.8982272) e La Locanda di via della Stella 163/165 sempre a San Vigilio (tel. 030.7281672 e 335.5425731).

Il menù prevede minestra o ravioletto in brodo per i primi, gallina, cappello del prete, cotechino, lingua e testina nei secondi, il dolce della casa e contorni vari. Per partecipare bisogna prenotarsi. Altre informazioni sono disponibili sul sito internet del Comune.

MAPPA DEI RISTORANTI ADERENTI