BRESCIA – Cartoni animati in corsia per i bambini degenti al Civile

0

Da qualche giorno, nelle corsie dell’Ospedale dei Bambini di Brescia, sono tornati i laboratori di cinema di animazione grazie al progetto “Cartoni animati in corsia” promosso da Avisco con l’Ospedale dei Bambini degli Spedali Civili di Brescia. I film d’animazione realizzati durante la fase pilota del progetto nel settembre del 2012 per “Strappi” e “Viaggio marino spaziale poetico ambientale” dopo l’anteprima bresciana dello scorso novembre, hanno girato il mondo, ottenendo premi e riconoscimenti in festival nazionali e internazionali di cinema fatto dai ragazzi come il Vafi International Children’s animation film festival (Croazia), il Pequeno Cineasta (Rio de Janeiro) e il Festival Corti a Ponte (Padova).

Cartoni animati corsiaSulla scorta dell’esperienza maturata e dei risultati ottenuti, il progetto quest’anno torna con importanti novità. I laboratori di produzione animeranno le corsie da ottobre a febbraio 2014, coinvolgendo i pazienti di cinque reparti: Oncoematologia Pediatrica, Neuropsichiatria Infantile e dell’Adolescenza, Chirurgia Pediatrica, Pediatria e Ortopedia Traumatologia Pediatrica. Progetto unico nel suo genere a livello nazionale e tra i pochi in ambito internazionale, “Cartoni animati in corsia” offre ai giovani pazienti la possibilità di diventare autori di un vero e proprio film di animazione. Il progetto si inserisce in un contesto già ricco di attività educative e ricreative, come proposta versatile in grado di farsi risorsa anche nei momenti di interruzione dell’attività scolastica o di carenze da parte del volontariato.

Il laboratorio non lo ordina il dottore e non è una medicina ma può trasformare il tempo della degenza in occasione di scoperta, crescita e di divertimento e partecipazione attiva al mondo dell’arte e della cultura. Inoltre, come strumento di elaborazione e riqualificazione del vissuto della malattia da parte del bambino, favorisce un atteggiamento più sereno e attivo e può concorrere al buon esito delle terapie. Il progetto è realizzato con il patrocinio del Comune di Brescia e dell’assessorato all’Associazionismo e Volontariato della Provincia di Brescia. Il progetto è reso possibile grazie al contributo della Fondazione della Comunità Bresciana, Fondazione Asm, Fondazione Alta Mane Italia, associazione Avulss di Brescia, Gestioni Assicurative snc di Landriscina Germano, Sony e Ubi Banco di Brescia.

Dettagli del progetto
Prima di essere dei pazienti, i bambini sono bambini e gli adolescenti sono adolescenti, non molto diversi dai loro coetanei che stanno fuori dalle mura dell’ospedale: hanno gli stessi bisogni e gli stessi diritti, ma la loro condizione di fragilità e le cure necessarie per migliorarla ne limitano le scelte e la libertà nel disporre di tempi, spazi e attività. L’idea di dar vita a un laboratorio di cinema d’animazione nelle corsie dell’Ospedale nasce pensando che bambini e ragazzi la televisione, il cinema e i cartoni animati, oltre che guardarli debbano avere la possibilità di farli, per scoprirne i meccanismi e il linguaggio.

Il laboratorio promuove il benessere, stimola la creatività ed è un ottimo strumento per dare corpo e voce al proprio mondo interiore e per esprimere il proprio punto di vista, anche attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, particolarmente vicine ai bambini e agli adolescenti. Fondamentale è stata sin dall’inizio la collaborazione con la Direzione dell’Ospedale dei Bambini, in particolare con il direttore sanitario Raffaele Spiazzi che con determinazione ha caldeggiato il proseguimento del progetto, oltre che del personale medico e sanitario, degli insegnanti ed educatori presenti in ospedale.

Per facilitare gli spostamenti da un reparto all’altro e adattarsi al meglio alle esigenze dell’ambiente, gli operatori Vincenzo Beschi, Sandra Cimaschi, Silvia Palermo e Irene Tedeschi porteranno in corsia la Casetta dei cartoni, un vero e proprio set di ripresa in miniatura dotato di luci, webcam e computer portatile, costruito appositamente per l’occasione. Sono inoltre previsti degli incontri di visione guidata, curati da Chiara Boffelli, di film d’animazione d’autore che si discostano dallo standard televisivo e lasciano immaginare nuovi modi di guardare e raccontare. Il progetto si concluderà con la proiezione in anteprima dei cortometraggi in un evento speciale alla presenza dei giovani autori e delle loro famiglie. Tutte le informazioni sul progetto sono presenti sul sito internet e sulla pagina Facebook. E’ inoltre attivo il blog cartonianimatiincorsia.org che permetterà di seguire, passo dopo passo, l’andamento del progetto.