BRENO – I signori delle Alpi: famiglie e poteri tra le valli d’Europa

0

“I Signori delle Alpi. Famiglie e poteri tra le montagne d’Europa” è il terzo convegno realizzato dalla sezione I.S.T.A. (Incontri per lo Studio delle Tradizioni Alpine) dell’associazione non profit naturalistico-culturale LOntànoVerde. L’incontro ha lo scopo di stimolare il dialogo su temi comuni tra le valli alpine con l’intento di dare visibilità al patrimonio locale e contribuire all’avanzamento della ricerca attraverso la comparazione tra le diverse aree.

indexIl convegno inizierà alle ore 14.30 presso il Palazzo della Cultura di Breno. Il tema del 2013 è: “I Signori delle Alpi. Famiglie e poteri tra le montagne d’Europa” e il suo obiettivo è quello di illustrare il profilo di alcune nobili e importanti famiglie originarie dell’arco alpino in un’ottica di comparazione, esaminando la loro importanza sia livello locale che al di fuori della propria vallata. “Si parlerà di sei grandi famiglie che hanno fatto la “storia” delle Alpi” dice Luca Giarelli, coordinatore del progetto «Ogni partecipante all’incontro approfondirà una singola casata descrivendone le origini e l’evoluzione attraverso il medioevo e l’età moderna, gli schieramenti e le lotte politiche, i privilegi, i titoli, l’araldica, i rapporti con le istituzioni statali o cittadine, l’elenco dei personaggi celebri, le dimore, le rocche e anche le eventuali leggende popolari legate all’immaginario collettivo sorte attorno a questi nobili”.

L’incontro, moderato dal professor Sergio Onger dell’Università degli Studi di Brescia, e presidente dell’Ateneo di Brescia, prevederà interventi riguardanti i Federici di Valle Camonica, i Beccagutti di Esine, i Capitanei di Val di Scalve, i Besta di Teglio, i Tasso di Val Brembana e i Lodron delle Giudicarie. In contemporanea alla conferenza sarà inaugurata la mostra “Nobiltà svelata: i volti dell’aristocrazia di Valle Camonica”. La mostra fotografica, curata da Luca Giarelli e Marta Ghirardelli, vedrà la proiezione di circa quaranta dipinti di membri del patriziato camuno (Federici, Celeri, Cattaneo, Ronchi, Fiorini, Simoni….) databili tra il XVII ed il XIX secolo. L’incontro è a partecipazione libera e gratuita. È prevista la pubblicazione degli atti del convegno nella prima metà del 2014. Saranno disponibili durante il convegno i volumi della sezione I.S.T.A.: “Carnevali e folclore delle Alpi – Riti, suoni e tradizioni popolari delle vallate europee” e “Naturalmente divisi. Storia e autonomia delle antiche comunità alpine”, oltre alle prestigiose pubblicazioni di araldica edite da Orsini de Marzo.

Domani invece, alle ore 14.30 sarà effettuata una visita guidata al castello di Gorzone, a Darfo Boario Terme, antica dimora storica della famiglia Federici. Il progetto è supportato da Euro Sider Scalo, Cassa Padana – area camuna e la Comunità Montana di Valle Camonica.

Informazioni: contactista@gmail.com.