BRESCIA – Assente al corteo Cgil, ministro Kyenge: “Ordine pubblico”

0

Motivi di ordine pubblico per due manifestazioni in contemporanea quel giorno. E’ la risposta che il ministro all’Integrazione Cécile Kyenge ha inviato alla lettera della Cgil di Brescia sulla sua mancata partecipazione, inizialmente prevista, al corteo a favore degli immigrati di sabato scorso in centro a Brescia.

Ministro KyengeIl sindacato aveva criticato la decisione del ministro che in un primo momento aveva parlato di “impegni istituzionali” per giustificare la sua improvvisa assenza e poi Forza Nuova intervenuto per opporsi alla posizione della Kyenge parlando di “voler farle fare un giro turistico a Brescia per capire come gli immigrati siano poco integrati e in quali ghetti si trovino, ha paura della realtà”.

“Condividiamo in pieno ogni vostra riflessione circa le caratteristiche che fanno di Brescia una città accogliente e laboriosa. Voglio, tuttavia, confermarvi – si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa del ministro – che la mancata visita della Ministra Kyenge alla vostra città lo scorso 28 settembre è stata dovuta, solo ed esclusivamente, a quei problemi di ordine pubblico a cui voi avete accennato. Le locali forze di Polizia ci hanno vivamente ‘consigliato’ di soprassedere dal recarci in quei luoghi a causa dello svolgersi di due manifestazioni di piazza concomitanti.

La Ministra, come certamente saprete, è sottoposta a minacce e per questo le è stata assegnata una rigida scorta che la vincola nei suoi spostamenti. Cécile Kyenge non è mai fuggita nella sua vita e, anzi, ha sempre affrontato di persona e a viso aperto ogni questione, adducendo la sua forza tranquilla degli argomenti, della tolleranza e dell’ascolto”. Evitare di partecipare alla manifestazione attraverso la scorta è stata quindi la scelta della rappresentante del Governo per non rischiare di rimanere coinvolta in due presidi di diverso stampo e profilo politico. In ogni caso, la Kyenge si è mostrata disponibile alle prossime occasioni in cui sarà invitata in città.