BRENO – “Nel segno di Leonardo”, la mostra esposta al Camuno

0

Appuntamento per oggi, sabato 21 settembre, presso Palazzo della Cultura. Nell’ambito della giornata di studi dedicata all’attività di Gabriella Ferri Piccaluga il Museo Camuno di Breno, con il contributo della Comunità Montana di Valle Camonica e del Comune di Breno, presenta la mostra dal titolo Nel segno di Leonardo.

indexIl Cenacolo vinciano nei disegni del Museo Camuno (Breno, Palazzo della Cultura, 21 settembre – 20 ottobre). La rassegna vuole essere un ideale omaggio a Gabriella Ferri Piccaluga, storica dell’arte che, nei suoi numerosi studi sui principali artisti attivi in Lombardia, si occupò anche di Leonardo da Vinci. In mostra sono presenti dodici disegni a matita attribuiti ad Agostino Comerio (Locate, 1784–Recoaro, 1834), pittore e docente di figura all’Accademia di Brera. I fogli traducono graficamente le teste degli apostoli e del Cristo del Cenacolo che Leonardo dipinse entro il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. Si tratta di una serie completa, realizzata nell’ambito del dibattito sull’opportunità di recuperare, per il Cenacolo vinciano, un aspetto quanto più fedele a quello primitivo.

L’opera di Leonardo, infatti, andò degradandosi nei secoli, versando in uno stato di conservazione tutt’altro che ottimale; nel Settecento venne in gran parte ridipinta, in condizioni assai diverse dall’originale. A inizio Ottocento fu avviata un’ampia attività di copia e di studio, i cui risultati confluirono in varie edizioni a stampa (celebre quella realizzata da Giuseppe Bossi a partire dal 1807). In tale contesto i dodici disegni conservati nel Museo Camuno di Breno, databili intorno al 1828-30, testimoniano il perdurare dell’attenzione nei confronti del capolavoro leonardiano.

La mostra e l’apparato didattico sono a cura di Filippo Piazza, responsabile delle raccolte artistiche e archeologiche del Museo Camuno di Breno.

Per maggiori informazioni: Tel. 0364.324099 – Fax 0364.324098; camus@cmvallecamonica.bs.it. Di seguito la locandina: Locandina