BRESCIA – Spesometro 2013: tutte le informazioni e le novità

0

Il 02 agosto 2013, con il provvedimento n. 94908, l’Agenzia delle Entrate ha diramato il modello e le istruzioni per la compilazione del cd. “spesometro”, ossia il modello da utilizzare per comunicare agli uffici erariali tutte le operazioni compiute e rilevanti ai fini Iva.

spesometro_2013Il provvedimento arriva dopo un lungo e travagliato percorso, costellato da numerosi rinvii dovuti, principalmente, alle difficoltà tecniche ed operative riscontrate dagli operatori economici.

La comunicazione dei dati relativi alle operazioni compiute e rilevanti ai fini Iva, altrimenti detto “elenco clienti-fornitori” (per usare la terminologia del precedente spesometro), era stata reintrodotta dai precedenti governi, in particolare con il decreto legge n. 78 del 2010, poi rivisto dal decreto legge n. 16 del 2012.

L’art. 21 del DL 78/2010, come ormai noto, ha introdotto l’obbligo di comunicare le operazioni rilevanti ai fini IVA poste in essere dai soggetti passivi, se di ammontare superiore a 3.000 euro (IVA esclusa) per le operazioni per cui sussiste l’obbligo di emissione della fattura, oppure di 3.600 euro (IVA inclusa) per le operazioni per le quali tali obbligo non sussiste. Al fine di semplificare l’adempimento comunicativo, con il DL 16/2012 il legislatore ha stabilito che formano oggetto di comunicazione, a decorrere dal 1° gennaio 2012, tutte le operazioni per le quali sussiste l’obbligo di emissione della fattura, a prescindere dall’importo.

Il provvedimento, quindi, recepisce tali prescrizioni con un nuovo modello di comunicazione, che reca però ulteriori e importanti novità, poiché consente non solo di comunicare le informazioni rilevanti ai fini dello “spesometro”, ma anche di inviare i dati di cui al tracciato allegato al provvedimento del 21 novembre 2011 da parte degli operatori commerciali che svolgono attività di leasing finanziario e operativo e di locazione o noleggio di autovetture, caravan, unità da diporto e aeromobili (a partire dalle operazioni relative al 2012).

Inoltre, lo stesso modello può essere utilizzato anche per comunicare le avvenute registrazioni (a partire da quelle del 2013) degli acquisti da operatori economici sanmarinesi ex art. 16, lett. b) del DM 24 dicembre 1993, in luogo della precedente comunicazione cartacea (il modello va trasmesso entro l’ultimo giorno del mese successivo a quello di annotazione dell’operazione) ed, entro i termini previsti dall’art. 3 del DM 30 marzo 2010, le operazioni effettuate dal 1° ottobre 2013 nei confronti di operatori “black list”.

Infine, si potranno avvalere dello stesso modello comunicativo anche gli operatori di cui agli artt. 22 e 74 del DPR 633/1972, che devono comunicare gli acquisti in contanti pari o superiori a 1.000 euro, da parte di soggetti residenti in Paesi extra-UE e in relazione a beni e servizi legati al turismo.

moneyIn sostanza, la semplificazione consiste nel fatto che, con lo stesso modello per lo “spesometro”, in una sola volta, possono essere espletati anche tutti gli altri adempimenti comunicativi sopra indicati e per i quali, fino a ieri, esistevano diverse procedure.

Restano escluse dall’obbligo comunicativo le importazioni, le esportazioni, le operazioni intracomunitarie, le operazioni che formano già oggetto di comunicazione all’Anagrafe tributaria in forza di altre disposizioni di legge e le operazioni di importo pari o superiore a 3.600 euro (IVA inclusa) per le quali non esiste l’obbligo di emissione della fattura, ma il cui pagamento è avvenuto mediante carte di credito o di debito o prepagate.

Un’altra novità riguarda la possibilità di trasmettere i dati sia in forma analitica, indicando tutte le singole operazioni, che in forma aggregata, raggruppando le informazioni in base alla controparte e distinguendo le operazioni passive da quelle attive.

Scadenza al 12 novembre per i soggetti con liquidazione IVA mensile

La trasmissione del modello dovrà avvenire secondo le ormai abituali modalità previste dalle procedure Entratel e Fisconline, anche mediante intermediari abilitati.

Il termine per l’invio delle comunicazioni ai fini dello “spesometro” relative all’anno scorso è il 12 novembre 2013 per i soggetti con liquidazione IVA mensile, mentre per gli altri è il 21 novembre 2013. A partire dalle comunicazioni relative al 2013, invece, il modello dovrà essere trasmesso entro il 10 aprile dell’anno successivo per i soggetti con liquidazione IVA mensile, mentre per gli altri entro il 20 aprile dell’anno successivo.