BRESCIA – Computo dei lavoratori tempo determinato

0

L’articolo 12 della Legge n. 97 del 6 agosto 2013 riscrive completamente l’articolo 8 del Decreto Legislativo n. 368/2001 per quanto riguarda il computo dei lavoratori ai fini dell’applicazione della Legge n. 300/1970 (Statuto dei Lavoratori). Il calcolo avviene sul numero medio mensile di tutti i lavoratori a termine impiegati negli ultimi due anni sulla base dell’effettiva durata del rapporto di lavoro.

Inoltre, l’articolo 12 utilizza la stessa modalit per il calcolo delle aziende ai fini dell’informazione e alla consultazione dei lavoratori di calcolo (articolo 3 del Decreto Legislativo n. 25 del 6 febbraio 2007). In sede di prima applicazione della legge, il computo dei dipendenti a tempo determinato effettuato alla data del 31 dicembre 2013, con riferimento al biennio antecedente a tale data.

Art. 12 – Disposizioni in materia di lavoro a tempo determinato. Procedura di infrazione 2010/2045.

1. L’articolo 8 del Decreto Legislativo n. 368 del 6 settembre 2001 sostituito dal seguente:

Art. 8 (Criteri di computo). – 1. I limiti prescritti dal primo e dal secondo comma dell’articolo 35 della Legge n. 300 del 20 maggio 1970, per il computo dei dipendenti si basano sul numero medio mensile di lavoratori a tempo determinato impiegati negli ultimi due anni, sulla base dell’effettiva durata dei loro rapporti di lavoro.

2. All’articolo 3 del Decreto Legislativo n. 25 del 6 febbraio 2007, il comma 2 sostituito dal seguente: 2. La soglia numerica occupazionale definita nel rispetto delle norme di legge e si basa sul numero medio mensile dei lavoratori subordinati, a tempo determinato ed indeterminato, impiegati negli ultimi due anni, sulla base dell’effettiva durata dei loro rapporti di lavoro.

3. In sede di prima applicazione delle disposizioni di cui ai commi 1 e 2, il computo dei dipendenti a tempo determinato ai sensi dei medesimi commi effettuato alla data del 31 dicembre 2013, con riferimento al biennio antecedente a tale data.

Fonte Confartigianato