BRESCIA – Multe: pagamento ridotto del 30% per chi paga entro 5 giorni

0

Le multe scontate del 30% se pagate entro cinque giorni dalla notifica diventano realtà. Il decreto è stato pubblicato martedì 20 Agosto sulla Gazzetta ufficiale. Quindi, da mercoledì 21, tutti gli automobilisti indisciplinati potranno avere accesso allo sconto. Potrà beneficiare della riduzione anche chi riceve per posta dal 21.08.2013 un verbale per una violazione commessa prima di tale data. Detta riduzione, che si applica anche alle infrazioni degli autisti professionali aventi patenti superiori, non si applica invece alle violazioni, da chiunque commesse, per le quali è stata prevista la sanzione accessoria della confisca del veicolo e della sospensione della patente di guida.

multe scontateCon l’attuale modifica potrà essere considerata come avviata a soluzione, tra l’altro, la vergognosa situazione per la quale un autista professionale che non avesse con sé il contante per pagare le sanzioni per la violazione degli articoli 142, commi 9 e 9-bis, 148, 167 (in tutte le ipotesi di eccedenza del carico superiore al 10% della massa complessiva a pieno carico), 174, commi 5, 6 e 7 (violazione in misura superiore al 10% dei tempi di guida e di riposo), 178, commi 5, 6 e 7 (violazione in misura superiore al 10% dei tempi di guida e di riposo per i veicoli non muniti di cronotachigrafo), avrebbe subito il fermo del veicolo fino al pagamento della sanzione o della cauzione.

Oggi, finalmente, viene prevista la possibilità di pagare le sanzioni del C.d.S. attraverso strumenti di pagamento elettronico, avvalendosi, in questo modo, della citata riduzione del 30% degli importi dovuti.

Con l’attuale modifica è stata definitivamente eliminata la disparità di trattamento tra conducenti di mezzi pesanti titolari di patente italiana e conducenti titolari di patente estera conseguita in uno Stato U.E, in merito all’importo della cauzione dovuta per evitare il fermo del mezzo quando, su strada, venga accertata la violazione delle disposizioni del codice della strada sopra citate, per le quali è obbligatorio il pagamento immediato, ma il trasgressore non intenda effettuarlo. La modifica pone infatti fine alla discriminazione a cui sono andati incontro finora gli autisti italiani che, a causa di un errore commesso nella stesura dell’originaria disposizione (introdotta dalla Legge 120/2010), erano costretti a versare a titolo di cauzione un importo pari alla metà del massimo previsto dalla norma violata (cd massimo edittale), mentre per i colleghi comunitari, in virtù di un precedente intervento della Corte di Giustizia U.E, detto importo si riduceva al minimo edittale. Ora la modifica al comma 2 ter dell’art. 202 C.d.S. ha posto riparo a questa sperequazione, stabilendo che la cauzione in questione è sempre pari al minimo edittale.

I 5 giorni saranno calcolati a partire dal giorno della violazione, “giorno zero”, che non si conteggia. Qualora il quinto giorno fosse festivo, la scadenza sarà prorogata al primo giorno feriale successivo.