BAGNOLO MELLA – Dall’1 settembre cambia la viabilità contro il traffico pesante

0

A Bagnolo sta per prendere forma un progetto guardato con grande interesse dell’intera comunità come la modifica della viabilità. Una innovazione sicuramente attesa da molti, che entrerà in vigore dal primo settembre come spiega il sindaco Cristina Almici: “E’ una questione sulla quale stavamo riflettendo da un po’ di tempo a questa parte. Le segnalazioni dei cittadini su Facebook e le opinioni che abbiamo raccolto dalla gente, ci hanno convinto che non era più possibile rinviare oltre l’intervento, ma era ormai arrivato il momento di mettere mano ad una situazione che, evidentemente, interessa in modo profondo a tante persone”.

Bagnolo MellaLa decisione ha così comportato che dal primo settembre la viabilità urbana a Bagnolo verrà modificata in stretta collaborazione con la Polizia Locale: “Lunedì – entra nella fase operativa il sindaco Almici – verrà consegnata al comandante della Polizia Locale di Bagnolo, Nicola Caraffini, una lettera affinché prenda i provvedimenti necessari in relazione alla viabilità nel nostro paese e, in particolare, al traffico pesante. La nostra intenzione è quella di modificare la viabilità in modo da deviare il traffico pesante, evitando il passaggio nella centrale via Gramsci, e cercare, nello stesso tempo, di ridurre al massimo le soste che finiscono per creare intasamento e danni alla salute pubblica a causa dell’inquinamento. La modifica che abbiamo studiato sarà provvisoria ed avrà la durata di un anno. Durante questo periodo invitiamo i cittadini di Bagnolo a segnalare eventuali difficoltà che dovessero insorgere oppure idee per migliorare questa nostra proposta. Naturalmente in questo caso rimangono più che gradite segnalazioni via Facebook o in qualsia altro modo la gente riterrà opportuno di farcele arrivare, anche perché siamo convinti che la popolazione bagnolese saprà accogliere favorevolmente questa innovazione e ne saprà scorgere le vere finalità”.

Il disegno presentato dall’Amministrazione Comunale bagnolese prevede diverse novità: “In un primo momento – prosegue Cristina Almici – avevano pensato di poter attendere la realizzazione del collegamento tra la SS 45 bis e la SP VII, ma vista la situazione e le stesse esigenze manifestate da molte persone, abbiamo deciso di intervenire immediatamente proponendo il nostro piano al comandante Caraffini. Toccherà infatti alla Polizia Locale rendere operative queste innovazioni e realizzare quanto serve per passare al nuovo sistema. In questo senso dal primo settembre il traffico pesante da e per Manerbio o Brescia verrà vietato su via Gramsci. Per chi arriva da Brescia verrà deviato su viale Italia e via Leno per approdare poi in zona industriale (passando più nel dettaglio in via Piamarta, via Tovini e via La Pira), mentre nella direzione opposta il tragitto comprenderà viale Piave, via Porzano, via La Pira e poi proseguirà, seppure al contrario, il percorso precedente”.

Questo per quel che riguarda il traffico pesante, ma ci sarà un’altra innovazione di assoluto rilievo per tutti coloro che si troveranno a passare in via Gramsci: “All’incrocio tra la SS 45 bis e via Verdi e viale Stazione non solo verrà tolto il semaforo, ma sarà anche girata la direzione di marcia rispetto a quella attuale. Una scelta che riguarderà via Verdi, via XXVI aprile (dal passaggio a livello fino all’uscita su via Gramsci), via Pellico e viale Stazione (dall’inizio dello Stadio sino all’incrocio con la SS 45 bis). La realizzazione di questo “disegno”, che speriamo potrà essere “assorbito” dai bagnolesi nel modo più rapido e collaborativo, ha soprattutto due grandi obiettivi. Il primo è quello di togliere il traffico pesante da via Gramsci, una zona molto popolata e dirigerlo verso una decisamente a minor intensità abitativa, mentre il secondo è quello di velocizzare e liberare da possibili intoppi il traffico nella medesima via Gramsci.

In quest’ultimo caso l’idea è quella di creare un anello che può agevolare la sicurezza della circolazione e la sua scorrevolezza, grazie anche agli attraversamenti garantiti dal cambio di direzione. Il tutto – termina il sindaco Cristina Almici con un eloquente sorriso – con costi operativi decisamente contenuti a carico del Comune a fronte della possibilità di offrire da una parte un sostegno determinante alla vivibilità e alla qualità della vita in via Gramsci e nelle strade attigue e dall’altra un aiuto prezioso alla sicurezza e alla scorrevolezza della circolazione, affrontando finalmente in maniera concreta e propositiva pure il problema del traffico pesante che rischia di soffocare una strada molto significativa per la nostra comunità come via Gramsci e che rimane al centro dell’attenzione ormai da diversi decenni senza riuscire a muovere il minimo passo”.