TRENTINO – Passione Mountain Bike, l'esplorazione su due ruote

0

Esplorare un territorio in sella ad una mountain bike è un’esperienza che permette di coniugare divertimento e benessere. Non è un caso che questa attività all’aria aperta sia diventata popolarissima ormai in tutta Europa, Italia compresa, al punto di diventare un fiorente settore di attività turistica. Grazie alle sue caratteristiche morfologiche il Trentino rappresenta una delle destinazioni di riferimento per chi ama pedalare in mezzo al verde. Sono tanti i tracciati capaci di abbinare il fascino di questo sport allo spettacolo offerto dalla montagna, tra paesaggi incantevoli, boschi, prati e campi coltivati. Molte località turistiche trentine sono attrezzate per il noleggio e per la manutenzione delle bici, oltre a disporre di preparate scuole che divulgano le regole base per affrontare escursioni con la bicicletta da montagna. Il fiore all’occhiello dell’offerta sono tre circuiti interamente dedicati agli amanti della mountain bike.

VT bikeIl percorso Dolomiti Lagorai Bike conta oltre 1.100 chilometri di tracciati fuori strada fra boschi, pascoli, laghetti alpini e due Parchi Naturali, quello del Monte Corno e quello di Paneveggio Pale di San Martino. L’area si estende nel Trentino orientale tra la Valsugana, la Val di Fiemme e la Val di Fassa e permette di esplorare territori incontaminati posti oltre i duemila metri di quota fra le cime selvagge della Catena del Lagorai e le vette dolomitiche del Latemar, del Catinaccio, del Gruppo del Sella e delle Pale di San Martino, Patrimonio naturale dell’Umanità. Da quest’anno agli appassionati viene proposto il Dolomiti Lagorai Bike Grand Tour, grande novità del 2013, un anello da percorrere in sei giorni che tocca tutte le zone descritte e che si può affrontare per circa sei mesi all’anno, in senso orario oppure antiorario: il primo totalizza 320 km, il secondo 353, con dislivelli che variano da un minimo di 8.790 metri ad un massimo di 10.470. Nel corso dell’estate, è possibile utilizzare gli impianti di risalita aperti fino a metà settembre, per risparmiarsi qualche fatica. Anche in questo caso dal sito del circuito si possono scaricare tutte le tracce gps.

Il Dolomiti di Brenta Bike è una rete di percorsi che si sviluppa attorno al gruppo del Brenta e offre la possibilità di esplorare l’area protetta. Si può scegliere tra due possibilità: i sei percorsi “expert”, indicati per i biker più allenati, e l’anello “country”, che annovera piste ciclabili, spazi aperti e borghi rurali. In entrambi i casi si pedala attraverso strade sterrate, ma perfettamente sicure e segnalate, che possono essere rilevate con le tecnologie più moderne grazie ai roadbook e alle tracce gps scaricabili dal sito.

Il Mountain & Garda Bike ci porta a contatto con un ambiente naturale molto vario, che offre infinite possibilità per la pratica di attività outdoor. Un percorso ininterrotto tra picchi rocciosi e specchi d’acqua, saliscendi impegnativi e morbidi tratti, alla scoperta dei paesaggi del Garda Trentino, del Monte Bondone e della Valle dei Laghi, del Monte Baldo, di Tremalzo e della Valle di Ledro. L’anello principale, rilevato con tecnologia gps (scaricabile dal sito), è “tabellato” con apposita segnaletica e percorre strade forestali sterrate, single trail, strade a basso traffico e tratti ciclabili. Gli alberghi convenzionati con questi tre circuiti possono offrire anche servizi speciali come il trasporto dei bagagli nelle località dove i biker giungono con le proprie gambe al termine delle tappe programmate.