BRENZONE – Prada chiusa: un colpo per l’economia del Baldo

0

La funivia di Prada è chiusa a causa della mancata proroga della vita tecnica della bidonvia da parte dell’Ustif. Regna l’amarezza tra albergatori, ristoratori e gestori dei rifugi, che puntano il dito contro la politica. La chiusura della funivia comporterà danni ingenti al territorio baldese, sia dal punto di vista turistico che dal punto di vista economico.

PradaMassimiliano Pret, il presidente dell’Associazione albergatori di San Zeno di Montagna, si scaglia contro la politica, che non ha operato per il bene di Prada. Ha definito sterili le discussioni degli ultimi anni tra i vari schieramenti politici che, a suo giudizio, non sono stati in grado di fare l’interesse del territorio. “Non c’è stato un coro unico, non si è agito in maniera univoca. Questi sono i risultati”. Per Pret la chiusura della funivia arreca anche un danno d’immagine al territorio del Garda Baldo e più in generale all’intera Provincia. Auspica quindi che la questione si risolva al più presto non solamente con una proroga della vita tecnica ma con la realizzazione di un progetto sostenibile dal punto di vista finanziario e senza stravolgere l’attuale struttura.