GAVARDO – Finanziamento Kyoto: impianti per riscaldare le scuole, led e nuove assunzioni

1

Con Decreto del Ministro Corrado Clini del  7 agosto 2013, il progetto presentato dal Comune di Gavardo tramite la propria Società controllata Gavardo Servizi Srl è stato ammesso al finanziamento sul Fondo Kyoto per un importo di Euro 1.800.000.

Impianto di cogenerazione a biomassa solida
Impianto di cogenerazione a biomassa solida

E’ un risultato importante, che consentirà di dare concretezza al Patto dei Sindaci ed al Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile che il Comune ha sottoscritto ed approvato negli scorsi anni.

Non è facile accedere ai Fondi Europei e l’Italia non brilla certo per questo, ma ricercando le necessarie professionalità e con la tenacia che contraddistingue molte volte gli amministratori locali, è stato possibile presentare un progetto articolato e innovativo che ha raccolto il punteggio necessario per l’ammissione al finanziamento europeo.

Concluso l’iter burocratico di assegnazione, tramite la Gavardo Servizi Srl divenuta Esco (Energy Service Company), il Comune di Gavardo realizzerà due piccoli impianti di cogenerazione a biomassa solida (pellet) della potenza effettiva 180 KW elettrici e 270 KW termici dai quali ottenere, sia energia elettrica verde per circa 1.120.500 KWh da cedere alla rete con l’incentivo di Euro 0,327/KWh, che calore (acqua calda) da utilizzare per il riscaldamento delle scuole elementari e medie e del Centro Sportivo, con un deciso risparmio sulle spese di riscaldamento.

Ogni impianto, generando calore ed energia da fonti rinnovabili consentirà di ridurre le immissioni di oltre 1.200 tonnellate annue di CO2 (24.000 tonnellate nei 20 anni) che corrisponderà ad aver piantato oltre 60.000 nuovi alberi dato che, secondo le indicazioni di Protocollo di Kyoto, un albero assorbe, mediamente, 20 kg/annui di CO2.

Inoltre, il contributo finanzierà la regimazione completa e definitiva del Rio Legnago, che non solo tiene bloccata una vasta area di completamento residenziale, ma crea problemi di allagamento durante i temporali alle abitazioni già esistenti. Una spesa di circa 500.000 Euro che il Comune non avrebbe potuto affrontare in questi anni di gravi difficoltà finanziarie per gli enti locali.

Il beneficio ambientale in termini di energia verde, valorizzazione del reticolo idrico comunale e riduzione di immissioni di C02, che sta alla base del Patto dei Sindaci genererà preziose risorse anche per il bilancio del Comune di Gavardo, sia in termini di maggiori entrate derivanti dall’incentivo, sia in termini di minori spese per i consumi di gas metano e di energia elettrica.

Ma non solo: il Finanziamento Kyoto prevede la creazione di almeno due posti di lavoro a tempo indeterminato per la conduzione sino al termine (20 anni) del progetto.

Il PAES Comunale non si ferma qui: è già in stato avanzato il progetto di completo rifacimento della pubblica illuminazione con tecnologia a LED che porterà un risparmio di circa il 40% sui consumi e che sarà finanziato dal recente Conto Energia 2013 con un deciso miglioramento anche del livello di inquinamento luminoso ed un adeguamento complessivo alla più recenti normative regionali e comunitarie in tema di illuminazione pubblica.

1 Commento

Comments are closed.