CAZZAGO SAN MARTINO – Decreto contro violenza sulle donne: prima applicazione

0

Il Decreto Legge del 14 agosto 2013 N°93 ha visto la sua prima applicazione nella Provincia di Brescia, a Cazzago San Martino, il decreto contro la violenza sulle donne e il femminicidio.

Martedì 20 agosto una donna di 36 anni, dopo circa sei anni di violenze e maltrattamenti decide di denunciare il convivente.arresto-5

La donna era rimasta in silenzio, per troppi anni anni ha sopportato le violenze del convivente, per paura, per amore o affetto, o forse solo perché, come spesso capita in questi casi, nella mente della donna c’è sempre quella sensazione che l’uomo che si ha a fianco può cambiare, i litigi, le percosse e i maltrattamenti subiti sono gli ultimi, interviene l’autoconvincimento della donna che crede l’uomo che ha al suo fianco non la picchierà mai più.

Martedì 20 agosto la donna viene aggredita, lei è stufa, I vicini di casa avvertono le forze dell’ordine e I carabinieri colgono sul fatto l’uomo, di 49 anni.
Il nuovo decreto prevede che in caso di maltrattamenti l’uomo può essere allontanato subito dall’abitazione, sempre grazie alla nuova legge l’arresto è obbligatorio e non più facoltativo, se colto sul fatto,per l’aggressore, scatta istantaneamente l’allontanamento dalla casa e dai luoghi frequentati dalla famiglia.

L’allontamento in flagranza di reato è un atto ch intende dare maggiore tutela alle donne che si trovano in questa situazione.

Il 49enne è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti in famiglia aggravato dal fatto di non aver rispettato l’ordine di allontanamento, infatti, l’uomo, dopo l’aggressione della mattina, incurante dell’ordine di allontanarsi dall’abitazione, nel pomeriggio è tornato nella casa della convivente, è entrato da una finestra e ha nuovamente aggredito la 36enne.