PONTEVICO – Da settembre il wifi gratuito sarà una realtà

0

Nel mese di settembre si completerà il progetto “Pontevico 2.0” che attiverà la connessione wi fi sul territorio pontevichese.

wifi liberoGiunge così a felice compimento un programma che l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Roberto Bozzoni ha seguito con particolare attenzione e che rappresenta un interessante servizio in più a disposizione di tutta la comunità. Grazie all’installazione dei ripetitori e all’accordo con la ditta Air Beam di Bergamo navigare in rete a Pontevico sarà molto più facile e, soprattutto, gratuito per tutti.

“L’intento – spiegano gli assessori Luciano Migliorati e Andrea Pirazzoli ai quali è stato affidato l’incarico di portare avanti in prima persona l’iniziativa – è quello di facilitare l’accesso degli abitanti di Pontevico ad un mezzo di comunicazione ormai diffusissimo e di assoluta importanza come Internet. In questo senso per gli utenti sarà possibile aderire a questa iniziativa attraverso una semplice iscrizione iniziale. Basterà chiamare un numero verde (e quindi gratuito anche da questo punto di vista) per ricevere il messaggio che permetterà di avere l’accesso al servizio. Una volta muniti di password sarà possibile collegarsi in tutti i luoghi del paese dove è già operativa la copertura. In questa prima fase abbiamo esteso questa copertura ai punti più significativi del nostro territorio, dalla piazza alle scuole, dalle frazioni alla biblioteca, comprendendo poi l’oratorio, la palestra e tutti i luoghi che possono fungere da ritrovo ed aggregazione, permettendo così a tutti gli abitanti di Pontevico di collegarsi tranquillamente alla rete e, è doveroso sottolinearlo, in modo del tutto gratuito. Una parola, quest’ultima che ci permette di aggiungere un’ulteriore considerazione, visto che l’accordo che abbiamo raggiunto con l’Air Beam di Bergamo ha reso a costo zero questo progetto anche per le casse comunali. Nel nostro caso, a differenza di quanto avviene per diverse località che hanno installato la connessione wi fi sul loro territorio, l’unico costo che dobbiamo sostenere è quello poco più che simbolico di circa 2 euro annui per i ripetitori, ma, per il resto, non c’è nessun altro tipo di canone da pagare per un intervento che può essere definito a buon diritto a costo zero sotto tutti i punti di vista”.

Dopo l’accurata fase di studio e di progettazione, dunque, “Pontevico 2.0” sta per diventare una bella e concreta realtà, pronta ad offrire una marcia in più ad una comunità sempre connessa con un mondo ormai senza confini, ma anche sempre più attenta e partecipe a tutto quello che offre la vita quotidiana, così da costruire tutti insieme un qualcosa di positivo per il futuro del proprio paese