GARDA E VALCAMONICA – Immobili fantasma, partono gli accertamenti

0

L’Agenzia delle entrate ha effettuato una serie di rilevazioni volte ad identificare dall’altro, mediante rilievi aerofogrammetrici poi sovrapposti ai dati catastali, le case fantasma, quegli immobili cioè non regolarmente dichiarati.

Si tratta di una vasta operazione coordinata dall’Agenzia del territorio che, a livello nazionale, ha censito oltre un milione di immobili fantasma e di conseguenza altrettanti evasori fiscali. Ora sono in corso gli accertamenti da parte degli uffici comunali e i luoghi bresciani in cui sembra registrarsi il maggior quantitativo di case fantasma sono il Garda e la Valcamonica: Salò, Soiano, Tremosine, Sirmione, Gargnano, Toscolano, oltre ovviamente Desenzano su cui pendono almeno 45 rendite presunte, ma anche Angolo, Bienno, Borno, Braone, Breno, Cerveno, Ceto, Cividate, Losine, Malegno, Piancamuno, Pisogne, Piancogno, Prestine sono i Comuni con il maggior numero di case abusive.