COLLIO – A Memmo una piccola frana dà grandi preoccupazioni

0

Insomma non c’è molto da stare tranquilli. La frana che occupa parte della sede stradale che da Collio porta a Memmo è lì dal 18 aprile. Senso unico alternato “sino a data da

La frana di Memmo
La frana di Memmo

destinarsi”.

Memmo è la bella frazione che sovrasta Collio. È un’area tipica della tradizionale economia alpestre ed è meta del turismo “fuori porta”. Da Memmo puoi partire per fare gite e passeggiate veramente belle e alla portata di tutte le gambe. I prati di Memmo e le sue cascine sono uno spettacolare esempio di come l’agricoltura di montagna renda adorabili luoghi altrimenti destinati a un selvaggio imboschimento. La frana, ovviamente, per piccola che possa essere, oltre a creare disagio ai mezzi agricoli, non è un bel biglietto da visita. La strada che porta a Memmo, in verità, è già stretta di suo e va percorsa con dovuta cautela. Se poi a metà ci mettiamo anche una frana…

La preoccupazione, tuttavia, è anche un’altra e più generica. La frana è stata causata da una lacerazione nelle reti paramassi. Ora queste reti hanno una resistenza fisica definita: il terreno è cedevole (per questo si mettono le reti!) e il pietrisco si ferma, ingabbiato, alla base della rete formando una ‘pancia’. Pancia che pesa, pesa sempre di più man mano il monte cede materiale alla forza di gravità.. Più il tempo passa più la ‘pancia’ pesa. E la rete, come una femmina incinta, a un certo punto rompe le acque e si sgrava partorendo una frana. Logico e naturale.

Una volta messe, di conseguenza, le reti paramassi, avrebbero bisogno di visite periodiche da parte di tecnici che ne ripristino l’efficienza originaria, se necessario. Logico e naturale. E di reti in Valle ve ne sono molte. Se tutte queste reti, una volta posate, sono lasciate al loro destino non è che abbiamo da stare allegri per il prossimo futuro

Se poi ci aggiungi che questa frana di Memmo è lì da quattro mesi, capisci che gli abitanti della frazione di Collio hanno una certa ragione ad avere le palle girate…