GARDA (VR) – Pesca: è arrivato il nuovo regolamento del Veneto

0

Era atteso da tempo e finalmente è arrivato il nuovo regolamento della pesca sul Garda. Approvato dal Consiglio regionale del Veneto nei giorni scorsi, era stato approvato più di due anni fa dalla Provincia di Verona. Tuttavia, per entrare in vigore sul Benaco è necessario che lo stesso venga adottato anche dalla Regione Lombardia e dalla Provincia autonoma dio Trento. Nei giorni scorsi i vertici della Federazione delle Tirlindane del Garda, che conta più di mille iscritti, si sono riuniti a Bardolino per discutere il regolamento.

PescaMauro Bertoncelli, il vicepresidente dell’associazione Pesca sportiva Bardolino e responsabile tecnico del sodalizio per la semina dei pesci e del regolamento della pesca, ha spiegato che il regolamento è stato definito nelle sue norme in comune accordo tra organi tecnici istituzionali e pescatori, sportivi e professionisti. Si tratta di un documento che, a suo parere, si muove nella giusta direzione in quanto la sua entrata in vigore porterà a grandissimi benefici per l’ecosistema lacustre.

Bertoncelli auspica poi che il regolamento venga da tutti rispettato e a tal proposito ritiene che ogni Provincia che si affaccia sul lago dovrebbe dotarsi di una pattuglia di guardiapesca sempre presente. Infatti, il declino del lago dev’essere contrastato non solo combattendo l’inquinamento ma anche tutte quelle pratiche e quei comportamenti non corretti tenuti dai pescatori che non rispettano le regole.

L’alborella – ha ricordato –, meglio conosciuta come ‘aola’, un tempo era il pesce simbolo del Garda, ora è quasi completamente scomparsa. Lo stesso sta accadendo per il carpione, animale a forte rischio di estinzione. Anche la trota è in fortissimo declino così come il luccio e il pesce Persico.