PADENGHE – Aspettando le stelle cadenti a lume di candela in Castello

2

… infine quelle tre stelle / simbolo dell’estate : la luminosa Vega / Deneb… il cigno e l’aquila Altair / mi ninnano con melodiose serenate. / Mi addormento lentamente / mentre m’abbaglia fuggente / un’ultima stella cadente (Alice Costa)

festa candeleSabato 10 Agosto, la notte di san Lorenzo, più di mille candele illumineranno completamente il castello di Padenghe. La luce soffusa delle fiamme esalterà i contorni delle mura e degli archi, incornicerà porte e finestre degli alloggi e seguirà i percorsi di scalinate e vicoli, creando un’atmosfera magica, romantica e surreale. Una serata per la quale si attende un folto pubblico di visitatori, che ne vorranno apprezzare il fascino e godere l’atmosfera. Dopo aver osservato insieme le stelle cadenti ed espresso desideri, saranno liberate in cielo numerose lanterne luminose.

Non solo luci, ovviamente, ma anche tanta musica, cultura ed ottimi drink. A contribuire alla magia della serata una stella d’eccezione: Elisa Rovida, una delle voci più interessanti del panorama jazz contemporaneo, accompagnata dagli Electric Bug. Oltre che per le melodie sonore del suo album d’inediti, intitolato “Rinascimento”, Elisa è da qualche anno al centro della stampa internazionale per aver cantato al matrimonio di Tom Cruise e Katie Holmes. Non mancheranno, infine, letture teatrali a cura dell’associazione “Un thè nel deserto” di Bedizzole e i famosi cocktail preparati da Marinella.

L’evento, organizzato dalla Pro Loco, mira a diventare un appuntamento stabile e unico nel suo genere, durante il quale i visitatori avranno la possibilità d’immergersi romanticamente in un luogo denso di storia ad ammirare le stelle, coccolati da ottima musica ed inebriati da deliziose bevande.

2 Commenti

  1. una gran bella idea.. peccato che la gente non abbia colto la vera essenza che la proloco del nostro paese ha cercato di mostrare a tutti….

  2. Bella idea, ma da rivedere il passaggio dalla teoria alla pratica. Scenario incantevole, musica raffinata, cielo limpido … Ma mancavano posti a sedere e c’era solo un banchetto per il bere. La gente arrivava e, dopo una manciata di minuti, se ne andava. Sarebbe bastato collocare qualche tavolo all’ingresso del castello e mettere qualche punto per la distribuzione delle bevande in più. Certo che un anfiteatro inutilizzato come quello che c’è all’ingresso del castello è un vero spreco!

Comments are closed.