BOTTICINO – Tributo a De Andrè, con “Il lungo, il corto e il pacioccone”

0

Questa sera, martedì 6 agosto 2013, all’interno della Festa Valverde in via Cave a Botticino, Isaia Mori si cimenterà con il proprio gruppo nelle indimenticabili canzoni di Fabrizio De Andrè, appositamente rivisitate e reinterpretate in formazione trio: esso prende il nome dal titolo di una canzone del 1970 “Il lungo, il corto e il pacioccone”, che rimanda proprio alla “costituzione” fisica dei tre musicisti.

Isaia Mori
Isaia Mori

Andrea Casarotto sarà al contrabbasso: diplomato in contrabbasso presso il conservatorio Luca Marenzio Brescia, attualmente milita nelle file dell’orchestra di Siena e Verona.

Al violino ci sarà invece Alberto Martinelli: anch’egli diplomatosi in violino a Brescia, fa parte del quartetto “Elios”. Sono entrambi vincitori di concorsi nazionali ed internazionali e collaborano con l’Orchestra Stabile di di Bergamo, l’Orchestra “Arturo Toscanini” di Parma, l’Orchestra da Camera di Mantova e molte altre, ed hanno collezionato esperienze concertistiche in Belgio, Svizzera, Spagna, Austria e Germania.

Voce e chitarra classica saranno invece quelle di Isaia Mori, chitarrista di formazione classica che ha intrapreso gli studi con Elena Baronio per poi proseguirli con Giulio Tampalini, sotto la cui guida  ha superato l’esame del compimento inferiore presso il conservatorio di Brescia.

Il Mori ha tratto spunto proprio dalla propria formazione classica per “rileggere” alcune pagine del cantautore genovese, che lo accompagna fin dall’inizio della sua esperienza musicale.

Isaia Mori, domenica 11 guiderà la sua Orchestra di Radio Clochard per l’ultimo concerto della Festa Valverde, per le 21:30, preceduto dai “Liquor Store Folk Band”, un gruppo emergente che anima le serate con pezzi della tradizione folk e brani contemporanei rivisitati.

L’appuntamento di questa sera avrà invece inizio alle ore 21, sul “Palco Birreria”.