VALCAMONICA – Percorsi di arte contemporanea con “Aperto 2013 on the boarder”

0

“Aperto_2013 art on the border” indaga luoghi e situazioni dove l’acqua, elemento primario di vita, si intreccia con il paesaggio, la memoria e le comunità. Gli artisti affrontano il tema dell’acqua di natura mediante il viaggio, il racconto e la memoria, esperienze riflessive che li conducono ad esplorare forme, espeirenze e situazioni di limite, fisico e mentale.

Valcamonia apertoRisalire corsi, cercare fonti, leggere mutazioni di stato, permette loro di cogliere trasformazioni e flussi e intendere l’operazione artistica comep arte del divenire. Ogni segno raccolto si carica di aspetti evocativi e innesca nuove elaborazioni che, arricchite da aspetti poetici, scientifici e sociali, rientrano nel ciclo continuo dell’esperienza. L’acqua, materia di riferimento da cui muovono tutti i progetti artistici, è fonte di vita, risorsa comune e bene pubblico da difendere; connota e modella il paesaggio montano ed è contenitore di memoria e ambivalenza. L’acqua, solida nel ghiacciaio dell’Adamello, liquida nei corsi d’acqua e nei laghi, atmosferica nell’aria, viene considerata come elemento in sé, come forza, solvente e contenitore, e nel rapporto dialettico con la socialità, con l’agire e il pensare umano.

La relazione con le forme variabili e quelle consolidate, con l’ambiente e le sue trasformazioni in atto, permette di recuperare valori su cui ricostruire comportamenti individuali e sociali; nel segno dell’arte pubblica e della responsabilità. “Aperto _ art on the border” è una manifestazione di arte pubblica contemporanea che si svolge in Valle Camonica. Promossa dal Distretto Culturale, è un progetto pluriennale che attiva esperienze artistiche radicate nell’ambiente, stabilendo un colloquio dialettico con il luogo e la storia, con l’uomo e il suo statuto poetico. In residenza, gli artisti agiscono sul territorio e creano operazioni artistiche riflettendo su cultura, natura e valori che la Valle Camonica custodisce. La rassegna è dedicata al tema fare arte al confine e sul confine, operando nelle aree intermedie di confronto e sovrapposizione tra ambiti.

Filo conduttore del progetto pluriennale è la relazione uomo-natura, entro cui l’arte agisce sia come ricerca espressiva che come ricerca culturale nel dialogo aperto con le comunità e la materia, entro una prospettiva sostenibile. Il progetto prevede interventi in aree localizzate, per esprimere valori storici, ambientali e sociali mediante attività di ricerca e sperimentazione artistica. aperto vuole così istituire luoghi d’incontro tra le radici profonde del territorio e la cultura contemporanea. Direttore artistico è Giorgio Azzoni.

LOCANDINA DI APERTO 2013