MILANO – Multato 46 volte nella Ztl. Giudice di Pace annulla: “C’era la madre malata”

0

Con la sentenza 250/13, pubblicata dal Giudice di Pace di Padova, sono stati annullati i verbali notificati in serie al proprietario dell’auto che aveva transitato sprovvisto di autorizzazione nella ztl per accompagnare la madre malata. Per il giudice onorario la patologia di cui è affetta la stretta congiunta del trasgressore gli consente di ottenere l’annullamento di 46 verbali con una sola opposizione.

ZtlTutte multe contestate dalla locale polizia municipale per la violazione dell’articolo 7, comma 14, del codice della strada. Ma l’automobilista presenta un unico ricorso corredandolo della documentazione medica da cui si evince che la madre è affetta da una patologia che non le consente di compiere tragitti a piedi, e da questo assunto scaturisce la necessità di trasportarla in auto nelle immediate vicinanze dall’abitazione.

Peraltro, nel periodo in cui viene sanzionato a raffica, la conducente accompagna la madre dal padre ricoverato in un centro di assistenza: per il giudice si evince uno stato di necessità tale da “scriminare” il trasgressore, stante anche la “buona fede” di costei.

Nel caso in questione rileva Giovanni D’Agata presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti”, risulta giuridicamente assai rilevante che nonostante l’eccezione dell’amministrazione comunale di Padova dell’impossibilità di impugnare con una sola opposizione ex articolo 22 della legge 689/81 tutti i verbali contestati, il giudice abbia applicato i principi dell’orientamento costante della giurisprudenza di legittimità in materia che ha ritenuto più volte ammissibile la proposizione di un’unica opposizione da parte dell’ingiunto contro una molteplicità di atti irrogativi di sanzioni amministrative per violazioni della stessa disposizioni di legge.