ONO SAN PIETRO – Tragedia in famiglia, il padre all’ex moglie: “Ti ammazzo i figli”

1

(17-7 h 10,30) E’ una storia di orrore e di una famiglia tormentata quella che sta dietro all’incendio scoppiato ieri nell’appartamento di Ono San Pietro dove hanno perso la vita Andrea e Davide Iacovone, trovati morti carbonizzati nel loro letto ieri mattina, mentre il padre gravissimo per le ustioni è stato portato al centro Grandi ustionati di Padova. Indagando nella famiglia, si scopre che il padre Pasquale, separato dalla madre dei bambini Enrica Patti, continuava a tormentare l’ex consorte per la rottura mal digerita, quattro anni fa, della relazione e e per questo la donna aveva subito dal 2010 numerose denunce per stalking. Una di queste, ha rivelato il legale della donna, Pier Luigi Milani, è scattata dopo che l’ex marito l’aveva minacciata di “ucciderla insieme alla madre e portare via i figli 15 giorni per ammazzarli, così avrebbe sofferto”. E quella tanica di benzina trovata vicino al gas, quindi, sarebbe stata messa proprio dal padre per compiere la tragedia, l’ennesima famigliare.

(16-7 h 18) Sono Davide e Andrea Iacovone, di 9 e 12 anni, i bambini trovati morti carbonizzati stamattina intorno alle 10 nel loro letto, per le fiamme divampate nell’appartamento di una palazzina a due piani a Ono San Pietro, piccolo centro della Valcamonica. Con loro c’era anche il padre che è stato portato in codice rosso all’ospedale di Esine per le gravissime ustioni sul 90% del corpo.

Fonte Giornale di Brescia
Fonte Giornale di Brescia

La causa dell’incendio sarebbe stato uno scoppio, ma si sta cercando di capire cosa possa aver innescato le fiamme. Si parla di un corto circuito provocato da un computer, ma vicino al gas è stata trovata una tanica di benzina. Il padre e la madre dei bambini erano separati da quattro anni e stavano operando in vie legali per l’affidamento dei figli, ma il padre era già stato denunciato per stalking. Per questo motivo si sta indagando anche nella vita privata dei due ex coniugi. Per capire le cause la Procura di Brescia ha aperto un fascicolo per duplice omicidio a carico di ignoti. Sui corpi dei due bambini è stata disposta l’autopsia.

(16-7 h 13,51) Tragedia questa mattina, martedì 16 luglio, poco dopo le 10 a Ono San Pietro, il piccolo paese di 1.000 abitanti della Valcamonica. Un pesante incendio è divampato in un appartamento di una palazzina a due piani provocando la morte di due bambini, di 9 e 11 anni, che erano sul letto e il grave ferimento del loro padre che è stato trasportato con urgenza all’ospedale di Esine per le gravi ustioni riportate.

I figli sono stati trovati carbonizzati nel loro letto e sul posto sono subito accorsi i vigili del fuoco, il personale medico del 118 e i carabinieri di Breno che devono stabilire la dinamica alla base delle fiamme.

Secondo alcune testimonianze, sarebbe stato uno scoppio sentito in quelle zone a provocare l’incendio e quindi le fiamme hanno avvolto la casa facendo morire i due bambini. Le forze dell’ordine starebbero indagando anche nei rapporti tra il padre 40enne ricoverato a Esine e l’ex moglie. I due ex coniugi, infatti, sono alle prese con le pratiche legali per l’affidamento dei figli. Una tragedia per la piccola comunità camuna. (foto in top tratta da Brescia Corriere)

Segui tutti gli aggiornamenti sull’Adamello.tv

1 Commento

  1. Non ci sono parole per descrivere questo gesto infame…tutti sapevano che una tragedia del genere si sarebbe verificata ma chi avrebbe potuto fermare in tempo quell’uomo, se così si può definire, ha preferito chiudere gli occhi e tapparsi le orecchie. ora indagano ma non serve a nulla, niente e nessuno riporterà qui quei due piccoli angeli!!!spero solo che quel MOSTRO abbia quello che si merita.

Comments are closed.