BRESCIA – Altri episodi di furti e droga in provincia. Arrestati dai Cc

0

Ieri, martedì 16 luglio, i carabinieri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Brescia, in un’ora hanno arrestato due persone sorprese a rubare in due diversi supermercati della città. All’Iper Simply di via San Bartolomeo è stato bloccato un bresciano, B. M., 36enne, mentre si stava allontanando con cinque bottiglie di liquori per un valore di 100 euro circa, dopo aver eluso i sistemi antitaccheggio.

Manette normalÈ stato bloccato dal personale dell’Arma e dall’addetto alla sicurezza del supermercato che aveva notato i suoi movimenti sospetti avvisando i carabinieri. L’altro arresto al supermercato “D+” di via Zara dove B. S., 26enne nativa e residente in provincia di Parma, si era impossessata di materiale cosmetico. Vistasi scoperta, ha tentato la fuga spintonando l’addetto alla sicurezza, ma senza successo, anche per l’intervento dei carabinieri nel frattempo allertati.

I due sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale, in attesa delle disposizioni dell’autorità giudiziaria. Dovranno rispondere di furto aggravato l’uomo e, a causa del suo comportamento, di rapina impropria la donna. In un’altra operazione i carabinieri del Norm di Desenzano sono intervenuti all’Esselunga del paese, bloccando e arrestando per furto aggravato E. E., 25enne nata a Seregno (Mi) ma residente in provincia di Bergamo che poco prima, dopo aver adocchiato una borsetta lasciata incustodita su un carrello della spesa da una 39enne di Lonato, si era impossessata del portafoglio contenente 300 euro in contanti.

La donna ha trascorso la notte nella camera di sicurezza del comando di Arma desenzanese in attesa delle decisioni dell’autorità. In un’altra situazione i carabinieri di Montichiari hanno arrestato per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti J. R., 44enne tunisino ma domiciliato a Montichiari. L’uomo da tempo sotto osservazione da parte dei militari, si è dato improvvisamente alla fuga per i campi quando ha compreso che i militari volevano controllarlo.

Fermato poco dopo, nel corso della perquisizione personale e domiciliare sono stati trovati e sequestrati sei grammi di eroina suddivisa in dieci dosi, sette grammi di cocaina in sette 7 dosi, 20 grammi di sostanza usata per tagliare la droga, 830 euro in contanti provento dello spaccio, tre cellulari e numerose schede telefoniche. Il tunisino è stato condotto in casa agli arresti domiciliari.