SAN FELICE – Domani al Film Festival del Garda

0

Domani, sabato 13 luglio, presso la Fondazione Palazzo Cominellialle  ore 10, Caffè Cinematografico – “Il cinema nei balcani ieri e oggi. Realtà, stereotipo e visioni”. Conversazione con Nicola Falcinella. Alle ore 11.30
FFG & Aperitivo con le Muse – Presentazione del volume “Cinema italiano 2000” di Alberto Pesce, Edizioni Liberedizioni.

Presso la Sala Auditorium del Santuario Madonna del Carmine, alle ore 18, ci sarà il Concorso lungometraggi – Vite al centro di Nicola Zambelli, che sarà presente. Alice e Beatrice, due amiche, entrambe lavoratrici dipendenti in un centro commerciale, attraversano un momento cruciale della loro vita: una è in procinto di mettere al mondo un figlio, l’altra di sposarsi. Le loro storie assomigliano a quelle di molti coetanei, che coltivano i propri sogni tra difficoltà e speranze di un futuro incerto. (Italia, 2013, 80 min.).

Presso il Cortile di Palazzo via Garibaldi, alle ore 19.30, ci sarà un evento Speciale – Cena Balcanica a cura dello Chef Carlo Bresciani di Antica Cascina San Zago di Salò (su prenotazione).

Presso l’Arena estiva del cortile del Municipio di San Felice del Benaco, alle ore 21.30, Retrospettiva FFG Balcanica – Djeca – Buon anno Sarajevo di Aida Begic. Rahima e Nedim sono due giovani fratelli, orfani a causa della guerra. Vivono a Sarajevo, una città e una società in transizione che sembra essersi dimenticata delle vittime del conflitto. La sorella maggiore Rahima dopo un’adolescenza turbolenta sembra trovare conforto nell’Islam e spera che suo fratello Nedim possa fare lo stesso, ma questi pare più incline a incamminarsi verso un futuro di criminalità. (Bosnia ed Herzegovina, 2012, 90 min.).

Presso la Fondazione Palazzo Cominelli, alle ore 23.30, evento Speciale – Proiezioni supine Midnight Screening “All Night Long” . Retrospettiva FFG Balcanica – Cinema Komunisto di Mila Turajlić. Nel 1945, il presidente Jugoslavo Tito costruì quella che fu chiama la “Hollywood dell’Est”. All’interno si lavorava alla creazione di un nuovo genere di film: l’epopea partigiana, una specie di spaghetti eastern che raccontava l’eroica resistenza jugoslava contro gli occupanti tedeschi. Il documentario mostra gli artisti che condivisero questa incredibile esperienza, star come Sophia Loren, Richard Burton e Elizabeth Taylor. (Serbia, 2010, 100 min.).

A seguire Gatto nero, gatto bianco di Emir Kusturica. Zare è un giovane innamorato della bella Ida, ma suo padre, dopo avere fatto fallire un affare al mercato nero, come risarcimento propone il figlio in sposo alla sorella di un potente gangster. Una commedia ambientata in una comunità di zingari, che racconta una storia di offerte ingannevoli, legami familiari, amori romantici e rituali magici: un film ricco di invenzioni comiche e picaresche con un ritmo trascinante. (Bosnia ed Herzegovina, 1998, 120 min.).

A seguire cortometraggi provenienti dalla più importante scuola d’animazione balcanica.