GARDA – Crisi del “mattone”, Peschiera e Lazise non la sentono

0

In questo periodo economico di profonda crisi è il mercato immobiliare a farne le spese, ma secondo il report dell’ufficio studi Gabetti Professionecasa e Grimaldi il Garda è in controtendenza. Peschiera e Lazise si confermano come mete predilette dai turisti che decidono di acquistare seconde case.

Garda caseGianni Pasotto dell’agenzia Gabetti di Peschiera ha spiegato che questo è il momento migliore per fare acquisti, soprattutto per le costruzioni nuove, efficienti dal punto di vista energetico e dotate di buone caratteristiche costruttive. Ha spiegato che a soffrire è l’usato, di minore livello quantitativo, la cui richiesta è andata calando, così come i prezzi.

Il Garda quindi è un’oasi felice per il mercato immobiliare: i prezzi sono leggermente in calo, ma la domanda continua ad essere alta. Peschiera è caratterizzata dal segno positivo, registrando un più 4% nel 2012 rispetto al 2011. La domanda turistica predilige soluzioni in bilocale o trilocale, mentre nel caso delle abitazioni principali la richiesta è di 3 o 4 locali, oltre ad una quota interessata a ville indipendenti o a schiera.

La richiesta proviene principalmente dal nord Italia, in particolare da Trentino, Lombardia, Emilia Romagna, oltre al Veneto, sebbene non manchino acquirenti stranieri provenienti principalmente da Stati Uniti, Germania e Inghilterra. Il budget medio per l’acquisto è intorno ai 200-300.000 euro, con variazioni notevoli da Comune a Comune. A Peschiera del Garda le quotazioni per le soluzioni fronte lago vanno dai 3.300 ai 3.800 euro al metro quadro, ma Lazise  ha valori superiori che si aggirano attorno ai 3.600-3.800 euro al metro quadro per le soluzioni fronte lago e fino a 3.200 euro per le zone interne.