RODENGO SAIANO – Piedibus compie otto anni: 120 volontari e 200 iscritti

0

Il Piedibus a Rodengo Saiano è una realtà sempre più consolidata. Per capire il suo significato basta lasciar parlare alcuni numeri visto che l’iniziativa prosegue… il suo cammino (mai parola fu più appropriata) ormai da otto anni, con circa 200 iscritti e ben 120 volontari che ogni giorno, con qualsiasi tempo, si occupano di curare la sicurezza del trenino composto dagli scolari del paese.

Sempre in questi anni, l’iniziativa che, ha fatto il suo esordio con l’anno scolastico 2006/2007, si è ampliata fino a comprendere ben cinque linee, identificate con i simpatici nomi di draghetto rosso, bruco giallo, pesce blu, farfalla rosa e lucertola verde. Il colorato serpentone si forma ogni mattino dai vari punti del paese e raggiunge la scuola negli orari di ingresso (le 8.30 e le 14.30) e in quelli di uscita (12.30 e 16.30).images (1)

I ragazzi iscritti escono di casa e si accodano ai loro amici, seguiti con occhio vigile dai volontari che li seguono fino all’arrivo a scuola.

Un servizio che presenta diversi, significativi vantaggi, visto che permette ai bambini di andare a scuola in allegria, passeggiando in modo divertente insieme a tanti altri amici, ma consente anche alle famiglie (e in particolar modo a quelle nelle quali entrambi i genitori lavorano) di avere la consolante certezza che i loro figli si recheranno a scuola in assoluta sicurezza.

Tutto questo, senza dimenticare naturalmente il vantaggio dal punto di vista ambientale, dato che così facendo i bambini non vengono accompagnati in classe in automobile (con conseguente dispersione di sostanze dannose nell’aria e il frequente formarsi di ingorghi e di code intorno all’edificio scolastico), è reso possibile solo grazie alla preziosa collaborazione dei volontari. Persone dalle grande disponibilità, che non esitano a mettere a disposizione il loro tempo libero per condurre fino a scuola i vari “trenini colorati” che partono dalle diverse direzioni. Un impegno quotidiano, che viene portato avanti con qualsiasi clima visto che il freddo, la pioggia e nemmeno la neve bastano per “spaventare” questi indomiti volontari.

Una considerazione quest’ultima, che non è certo sfuggita all’Amministrazione Comunale di Rodengo Saiano, che farà recapitare nelle case delle famiglie del paese una lettera chiedendo la collaborazione di nuovi volontari: “Il Piedibus – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Nicola Bono – si sta dimostrando un servizio molto importante per la nostra comunità. Per questo, insieme alla coordinatrice del progetto, Eugenia Lezzi, abbiamo pensato di scrivere agli abitanti di Rodengo Saiano e di utilizzare le parole di un bambino che già è iscritto al Piedibus per chiedere nuovi volontari, che rappresentano una risorsa essenziale per questo progetto. Un’attività così importante (sia per l’ambiente che per la stessa socializzazione dei nostri scolari) ha infatti bisogno di volontari per continuare. Dedicando solo una mezzoretta del proprio tempo è possibile fare qualcosa di molto importante per la nostra comunità e per l’ambiente”.

Una considerazione che ha spinto il Comune di Rodengo Saiano a dedicare un riconoscimento a due volontari come Santina e Corrado che hanno seguito il Piedibus rispettivamente per 7 e per 8 anni consecutivi e che a settembre si ritireranno dal “servizio”. Nel ricevere il ringraziamento dell’Amministrazione Comunale a nome di tutta la comunità, i due hanno commentato con evidente commozione: “Riceviamo questo attestato con grande gioia.

Per noi è stata un’esperienza molto bella e coinvolgente, che ci ha regalato ogni mattina emozioni diverse e sempre nuove. E’ per questo che ci uniamo all’invito appena lanciato dal Comune affinché ci siano nuove persone che decidono di mettersi a disposizione per dare continuità ad un progetto che deve continuare il più a lungo possibile come il Piedibus”.