PADENGHE – Si rinnova il patto di solidarietà con la città Gomel in Bielorussia

0

Nel corso dell’ultima spedizione, alcuni volontari dell’associazione “Accoglienza e Fratellanza” hanno nuovamente attraversato l’Europa per portare un aiuto tangibile a una popolazione che vive tuttora in uno stato di disagio e fatica a procurarsi il necessario per vivere.

scarico13_3Gomel è una città della Bielorussia dove la fuga di sostanze radioattive fuoriuscite dal reattore della centrale nucleare di Cernobyl ha generato una catastrofe umanitaria di enormi proporzioni. Tra i più colpiti vi sono i bambini, molti dei quali affetti da gravi malattie e mutazioni genetiche. Sono stati donati materiali vari, soprattutto vestiario e generi alimentari, alle suore di madre Teresa di Calcutta che operano lassù. Il COSP di Bedizzole ha inoltre fatto pervenire, sempre tramite l’associazione, un’ambulanza da utilizzare in loco.

Nella permanenza a Gomel sono stati effettuati vari interventi di manutenzione alla casa che ospita le suore e ci si è attivati per ultimare la costruzione del “Villaggio del fanciullo”, una scuola destinata a bambini portatori di handicap per la quale i volontari si sono impegnati a fornire sanitari e piastrelle.

Il lavoro di questa associazione, nata per iniziativa del parroco don Bruno Negretto ed attualmente presieduta da Adriano Parolini, evidenzia una volta di più come a Padenghe la solidarietà sia non solo una testimonianza verbale ma anche, quando è possibile, suffragata da una serie di gesti concreti.