BRESCIA – Droga, violenze e spaccio. Arresti e fermi in tutta la provincia

0

Nelle ultime 48 ore, il comando provinciale dei carabinieri di Brescia ha disposto mirati servizi per contrastare il fenomeno dello spaccio e consumo degli stupefacenti, nonché reati contro il patrimonio. In questo contesto il Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Salò ha arrestato in flagrante per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti P. I., 52enne, domiciliato a Moniga del Garda, poiché trovato in possesso di tre grammi di cocaina e 105 euro in contanti ritenuti provento dello spaccio, mentre nella sua abitazione sono stati trovati e sequestrati materiali per confezionare la droga.

Carabinieri BresciaA Montichiari i carabinieri locali hanno stroncato l’attività di spaccio messa in piedi da T. R., 29enne originario di Castrovillari, che nella propria abitazione di Montichiari hanno trovato una piccola serra nascosta in un armadio, due piante di marjuana, 156 grammi di marjuana e 61 grammi di hashish. In casa sono stati anche sequestrati 300 euro in contanti, provento dello spaccio e tutto il materiale necessario per confezionare le dosi. A Chiari, i militari hanno arrestato un minore, già noto alle forze dell’ordine, responsabile di uno scippo.

In particolare, il giovane, in un centro commerciale, dopo aver avvicinato una 30enne del luogo le ha strappato la borsa facendo poi perdere le tracce. L’intervento dei militari ha consentito, dopo aver raccolto precise indicazioni da parte di alcuni testimoni, una delle quali aveva anche cercato invano di inseguire il reo, rintracciarlo nella propria abitazione, dove veniva trovata anche la refurtiva. Il minore è stato accompagnato al carcere minorile “Beccaria” di Milano a disposizione dell’autorità giudiziaria, dovrà rispondere di rapina impropria.

I carabinieri di Gardone Riviera hanno rintracciato e arrestato per la violazione di reati contro il patrimonio, in ottemperanza a un ordine di arresto per l’estradizione emesso dalle autorità tedesche S. L. G., 52enne cittadino tedesco, nato a Monaco (D) e residente a Toscolano Maderno. L’uomo è stato condotto al carcere di Canton Mombello in attesa delle decisioni dell’autorità. A Manerbio i carabinieri locali hanno arrestato per lesioni personali aggravate in concorso A. A., 18enne originario del Pakistan e residente a Manerbio denunciando, in stato di libertà, un minore indiano per i medesimi reati.

Nella tarda serata dell’8 luglio un pakistano ha chiesto aiuto ai militari dell’Arma, presentandosi col viso imbrattato di sangue e dichiarando che in precedenza si era recato in una via di Manerbio per incontrare un connazionale che gli doveva restituire del denaro. All’appuntamento il connazionale lo aveva colpito al capo con un bastone, mentre un altro giovane lo aveva aggredito con calci e pugni. Le immediate indagini del personale dell’Arma ha permesso di rintracciare i due assalitori mentre a piedi percorrevano una via di Manerbio. Il maggiorenne è stato trattenuto nella camera di sicurezza del comando Arma in attesa delle disposizioni dell’autorità, mentre il minore è stato riconsegnato ai genitori.