GARGNANO – Aperto nuovo tratto della ciclabile: turismo più internazionale

4

Update 07/08/2013 – Dopo soli sette giorni dall’inaugurazione il nuovo tratto della pista ciclopedonale è già chiuso. Sbarra abbassata, vietato l’accesso. Il motivo? La pista non è in grado di garantire gli standard di sicurezza previsti dalla legge. Con la memoria fresca del taglio del nastro, dei flash e degli applausi, tra l’indignazione dei residenti ma anche dei turisti, la pista non è fruibile. Si tratta di un’opera per la cui realizzazione è stato effettuato un investimenrto consistente, dell’importo di 1.2 milioni di euro. La decisione di chiudere il tratto di pista è stata adottata dal Comune, che considera poco sicuro lo sbocco del percorso che da San Giacomo s’inerpica lungo la strada del Dossì, per poi condurre alla Gardesana. Ai ciclisti che arrivano a Gargnano non resta che girare le ruote e tornare indietro, a meno che non decidano di correre il rischio di percorrere il tunnel della Gardesana.

31/07/2013 – “Un nuovo e affascinante tratto del percorso ciclabile del Garda è pronto per essere usato dai bresciani e dai turisti. Il grande sogno della ciclabile lungo tutte le coste del lago fa oggi un nuovo passo in avanti, dando così al turismo gardesano nuovi strumenti per rilanciarsi in un mercato sempre più internazionale.” Queste le parole pronunciate dal capogruppo del Popolo della Libertà in Regione Lombardia, Mauro Parolini, a Gargnano in occasione dell’inaugurazione del nuovo tratto San Giacomo-Gardesana della pista ciclabile che da Limone del Garda condurrà sino a Sirmione e Pozzolengo.

gARGNANO CICLABILE“Regione Lombardia – spiega Parolini – ha deciso di cofinanziare e sostenere questo impegnativo progetto che permetterà di realizzare non solo questo circuito ciclabile nella zona dell’Alto Garda ma che guarda al complessivo rilancio del sistema turistico di questa zona. Un territorio unico per la sua bellezza ma che necessità di adeguate infrastrutture per permettere ai lombardi di goderne appieno e per renderla realmente attrattiva per gli stranieri.” L’obiettivo del progetto sostenuto da Regione Lombardia è quello di rendere sempre più attrattivo un territorio d’eccellenza in materia di turismo sostenibile attraverso il completamento dei percorsi ciclopedonali e all’interconnessione del sistema bici-nave-treno.

“I dati degli ultimi anni – conclude Parolini – evidenziano una costante crescita della presenza dei turisti, servono però interventi infrastrutturali e iniziative mirate che sostengano la capacità e l’impegno degli operatori turistici locali per permettere alla zona del Garda di reggere il confronto in uno scenario sempre più globale. L’inaugurazione di oggi è la prova di quando Regione Lombardia creda nel turismo come possibilità per rilanciare l’economia dei nostri territori.”

4 Commenti

  1. Per la verità ieri (31/7) ho cercato di utilizzare il percorso da Gargnano, ma salvo errori, risulta chiuso da sbarra e con divieto di accesso; peraltro anche invaso da numerosi sassi….
    Ma è utilizzabile? o si tratta della solita inaugurazione per uso “politico”?
    Grazie
    saluti
    mf

    • Buonasera Mario,
      mi dispiace apprendere certe cose e mi auguro che il percorso sia presto utilizzabile.
      Continui a leggerci!

      • oggi apprendo che è stata ufficialmente chiusa, purtroppo ancora una volta i nostri amministratori si dimostrano capaci solo di inaugurare (forbici facili).
        CHE PENA…………….
        saluti
        mf

        • Gent.mo Sig.Mario,
          Lei sa quale è il motivo della chiusura? Se dovessi avere maggiori informazioni riguardo l’attuale situazione della pista provvederò senz’altro ad aggiornare l’articolo. E voglio sperare che si tratti di una chiusura temporanea e che la pista sia quanto prima fruibile da turisti e residenti.
          Un cordiale saluto.

Comments are closed.