ESINE e EDOLO – Sanità: “Gli ospedali non subiranno alcun taglio”

0

Il vicepresidente e assessore alla Salute della Regione Lombardia, Mario Mantovani, nell’ambito della conferenza stampa tenutasi nella tarda mattinata di domenica 23 giugno presso l’ospedale di Esine, ha assicurato che gli ospedali di Esine e di Edolo non subiranno alcun taglio e non verranno accorpati. Nessuno sconvolgimento, dunque, per le strutture sanitarie camune.

Esine e Edolo sanitàMantovani si è recato al presidio ospedaliero per verificarne le condizioni dal punto di vista strutturale e per accertare le dotazioni di cui gode l’ospedale. Ha visitato i vari reparti, le aree dedicate alla radioterapia e le sale di intervento d’urgenza e radiologico accompagnato dallo staff dirigenziale dell’ospedale e dell’Asl. Con lui anche l’assessore al Commercio, Turismo e Terziario Roberto Cavalli. Mantovani ha preso coscienza, con soddisfazione, dell’efficienza dell’ospedale, dotato di una struttura con progettata, con tanto di eliporto, attività sanitarie di prim’ordine e uno staff dirigenziale e medico dal quale traspaiono l’energia e l’amore che profondono per la loro struttura sanitaria.

Per quel che concerne la Lombardia, Mantovani ha poi precisato che nei giorni scorsi è stato adottato un decreto che abolisce, fino a gennaio 2014, i ticket sugli interventi di piccola chirurgia; tassa che era stata introdotta dal governo Monti. Ha spiegato che i fondi sono scarsi, ma in ogni caso si mira alla razionalizzazione e alla riorganizzazione delle strutture esistenti, con l’obiettivo di eliminare gli sprechi. I soldi risparmiato verranno reinvestiti in servizi sanitari e nella ricerca scientifica. “Riorganizzare – ha detto Mantovani – significa mettere le mani in strutture che, ad esempio, hanno quattro mila dipendenti e dove 250 di loro sono impiegati nella gestione delle buste paga”. La sanità della Regione Lombardia è tra le migliori d’Europa e riorganizzare, secondo Mantovani, significa migliorare ulteriormente il già efficiente servizio offerto alla collettività.