GARDONE RIVIERA – Grandi successi per il porta a porta, 65% preso in un mese

0

Dopo un solo mese da quanto la raccolta porta a porta è stata avviata in via integrale, il Comune di Gardone Riviera raggiunge dati da record, arrivando già ai limiti di legge con il 65%.

Gardone Riviera porta a portaRispetto allo scorsa anno, quando la raccolta differenziata riguardava circa il 30% dei rifiuti, i risultati raggiunti sono senz’altro incoraggianti, con un bel + 103%. Un traguardo che si configura come il risultato di un lavoro intenso, i cui meriti vanno in primo luogo ai cittadini, ma anche alle attività commerciali, alle strutture alberghiere e ad un sistema ben organizzato, studiato e pianificato. In modo particolare, si tratta di un modello di porta a porta integralo, scelto in accordo con la società Garda Uno spa: è stato applicato un eco calendario, con ritiri  partire dalle 6 del mattino per le grandi utenze, in modo tale da sgomberare il prima possibile le strade dai rifiuti. Gli utenti, domestici e non, sono inoltre stati assistiti e sopportati. Non solo: è stata creata un’isola ecologica aperta tutti i giorni, per un totale di 21 ore alla settimana, che si configura come il vero fulcro del sistema di raccolta.

Stefano Ambrosini, consigliere comunale delegato per l’innovazione tecnologica e l’ambiente, ha spiegato che tale sistema presenta numerosi aspetti positivi, dall’aumento della raccolta differenziata, con il conseguente recupero di materiali, alla una riduzione dei rifiuti indifferenziati che andranno in discarica; dalla produzione coi rifiuti organici di composti di qualità utilizzabili nell’agricoltura al contenimento dei costi di smaltimento.

Tuttavia, c’è stata anche qualche difficoltà: Ambrosini ha spiegato che complicata è stata per l’amministrazione la gestione della fase di start up del servizio, così come non è stato semplice formare l’utenza e trovare il giusto equilibrio tra servizio e tariffa.

Gardone Riviera, da Comune ambizioso, si prefigge l’obiettivo di raggiungere entro la fine dell’anno quota 70% ed inoltre intende avviare in via sperimentale numerosi progetti, tra i quali uno sul Compostaggio Locale con il bando europeo Life+Waste.