SEBINO – Lago d’Iseo: per l’Asl di Bergamo le acque sono sane

0

“Questa classificazione abbiamo iniziato a usarla nel 2009, quando è entrata in vigore la nuova normativa che, in tutta Europa, fissa i limiti della presenza di enterococchi intestinali e escherichia coli per definire la qualità delle acque come eccellente, buona, sufficiente o scarsa. Da allora soltanto in un caso, l’anno scorso al Bersaglio di Costa Volpino, abbiamo dovuto revocare la balneabilità perché la presenza di questi batteri aveva superato i limiti”.

Queste sono le parole di  Giacomo “Mimmo” Bertoni dell’Asl di Bergamo, che spiega la situazione di intenso controllo delle acque del Sebino.CAUOTSRNCAK2T1TSCAF4KWHKCAIB730FCAJHK9BKCAIAMBO5CAN3V0RXCACY3LI9CAMNKYL2CAWB8CQZCAYMN3UVCA1LURDVCAC2W9U1CAC1536ICAV5S3XGCA72ZQRVCAVULB60CANWRZLL

Lunedì 10 giugno, i controlli hanno definito l’acqua del lago “eccellente”, controllata in 46 punti differenti dai tecnici dell’Asl di Bergamo, i funzionari che lavorano all’Ufficio di sanità pubblica di Trescore, i quali collaborano con i colleghi di Brescia per controllare la presenza di sostanze inquinanti e per monitorare la situazione di balneabilità del lago.

Il lago d’Iseo è il protagonista di tutti questi controlli che tengono sotto osservazione l’eventuale presenza di microbi o batteri.

Un buon  risultato anche in seguito alle polemiche e ai disagi creati dalla comparsa di una macchia oleosa, che nel mese scorso ha suscitato non poche preoccupazioni da parte di Legambiente.
I risultati delle analisi effettuate sono state pubblicate on-line  sul sito del Ministero della salute www.portaleacque.salute.gov.it.