INCUDINE – Da una festa un’auto precipita nel fiume, morti due ragazzi

0

(Update 18.20) Grazie alle indagini svolte è stato possibile collocare nel tempo la tragedia: l’incidente è avvenuto attorno alle 7 del mattino, dopo che i ragazzi si erano fermati a fare colazione. Ieri mattina è stato autorizzato il trasferimento dei due ragazzi di Vione a casa, dove sono arrivati attorno alle ore 11. E’ stata allestita una camera ardente comune nella sala della Vicinia (ex scuole) a Canè. I funerali sono stati celebrati oggi alle 14.30.

Stavano tornando dalla festa degli alpini di Canè, a Vione, dove avevano trascorso la serata in compagnia. Poi la tragedia: un terribile incidente sul viadotto di Incudine è costato loro la vita.

Incudine incidenteMatteo Balzarini, studente di soli 18 anni, e Andrea Rossi, idraulico 23enne, a bordo di un’Audi A6 di colore grigio, stavano viaggiando ieri notte lungo la Ss 42, in direzione Edolo, quando, all’improvviso, l’auto ha sbandato ed è uscita di strada. Si è infilata sotto il guard rail e poi è caduta nel fiume Oglio, facendo un colo di 15 metri. Un pescatore, un ragazzo di 16 anni, si è accorto dell’auto distrutta soltanto attorno alle 11 di questa mattina ed ha lanciato l’allarme. Sul posto sono accorsi i Carabinieri di Ponte di Legno, i sanitari del 118 ed i Vigili del Fuoco, ma i due ragazzi erano già morti. Successivamente sono stati recuperati i corpi e la vettura. Le salme sono state ricomposte nella camera mortuaria dell’ospedale di Edolo. Per essere vicini alle famiglie, che per una fatalità stanno vivendo un atroce dolore, gli organizzatori della festa degli alpini hanno decisi di annullarla.

Le forze dell’ordine stanno cercando di ricostruire la dinamica e di risalire all’orario dell’incidente, ma l’ipotesi più attendibile è che la tragedia si sia consumata nel cuore della notte.