VALCAMONICA – Il Cai in difesa dell’ambiente montano

0

Le sezioni camune del Club Alpino hanno deciso di mobilitarsi in difesa attiva dell’ambiente montano, una delle risorse più importanti della Valcamonica. In modo particolare, la commissione Tutela Ambiente Montano (Tam) del Cai di Valcamonica ha stilato un progetto interessante con l’obiettivo di raccogliere le segnalazioni dei cittadini camuni, dei soci e degli appassionati della montagna per poi girarle agli enti competenti.

Valcamonica ambienteSegnalazioni di criticità ambientale, quindi, devono essere inoltrare al Club Alpino, in particolare in presenza di situazioni con le quali viene violata la legge; situazioni che in Valcamonica sono purtroppo abbastanza frequenti e spaziano dalle stradine abusive alle motoslitte che non rispettano i limiti di velocità, dai quad che rovinano l’ambiente alle moto che non si curano dei cartelli di divieto. L’iniziativa della Tam si prefigge dunque come obiettivo quello di  salvaguardare le bellezze e il fascino del territorio camuno, nella piena consapevolezza che una montagna a misura d’uomo significa vantaggi per l’economia, il turismo ed anche per l’intera popolazione camuna. I moduli possono essere richiesti nelle sedi del Cai di Pisogne, Lovere, Darfo, Borno, Cedegolo, Bienno, Breno, Edolo, Ponte di Legno e consegnati nelle sedi stesse. Le segnalazioni, anche anonime, verranno valutate e poi inviate alle pubbliche autorità.